La sconfinata responsabilità del socio della s.n.c.

Di Bianca Pascotto

IL FATTO             

Una società in nome collettivo formata da 4 soci gestisce due stazioni di rifornimento di carburanti.

In una delle due stazioni viene accertato uno scarico di acque reflue sulla pubblica fognatura in assenza della necessaria autorizzazione, visto che la precedente era scaduta da quasi due anni.

Tutti e 4 i soci vengono condannati per il reato di scarico di acque reflue (ex D.lgs n. 152/2006) con condanna ad una pena pecuniaria in alternativa alla pena detentiva.

Due soci dei quattro soci impugnano la decisione, sostenendo che essi non gestivano né si occupavano in alcun modo della stazione di servizio oggetto dello scarico abusivo, la quale era esclusivamente amministrata dagli altri due soci. In relazione a detta circostanza gli stessi non avevano assunto alcuna posizione di garanzia.

LE NORME

La società in nome collettivo è una società di persone nella quale tutti soci rispondono personalmente ed illimitatamente per le obbligazioni societarie, in ragione del presupposto che per detta tipologia di società si accorda una prevalenza dell’apporto personale sul capitale.

Normalmente nelle snc tutti i soci rivestono la qualifica di rappresentante legale della società e, salvo diversa previsione dello statuto, ciascun socio amministra la società disgiuntamente dagli altri ex art. 2257 c.c..

Quando il potere amministrativo riposa disgiuntamente in capo a ciascun socio, la condotta e le decisioni di quest’ultimo si riverberano inevitabilmente nei confronti di tutti (salvo loro espressa opposizione), pertanto ogni socio risponde in via diretta, personale ed autonoma per ogni vicenda che coinvolga la società, dovendo tutti, nessuno escluso, adempiere agli obblighi di legge sia civili che penali.

L’unico argine a detta sconfinata responsabilità, soprattutto in materia di sicurezza e di tutela dell’ambiente, è la delega di funzioni che può essere attribuita ad un singolo socio, ma che deve essere validamente conferita e deve superare il vaglio della sua tenuta sotto il profilo sostanziale, in caso di accertamento giudiziale.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata

responsabilità