Hannover Re: le grandi perdite (COVID) intaccano il risultato operativo

Il riassicuratore globale Hannover Re ha superato la sua guidance sugli utili di gruppo di oltre 800 milioni di euro per il 2020, nonostante gli impatti significativi della pandemia COVID-19, che, insieme ad altre grandi perdite, ha spinto il combined ratio property e casualty (P&C) dell’azienda in territorio non redditizio.

L’utile netto del gruppo è diminuito rispetto agli 1,3 miliardi di euro registrati nel 2019, ma è risultato superiore alla guidance, a 883 milioni di euro per il 2020.

I premi lordi sono aumentati di quasi il 10% su base annua a 24,8 miliardi di euro, mentre i premi netti sono saliti dell’8,2% a 21,4 miliardi di euro.

Nel complesso, l’utile operativo di Hannover Re è diminuito del 34,5% nel 2020 a 1,2 miliardi di euro rispetto agli 1,9 miliardi di euro dell’anno precedente.

Nella riassicurazione P&C, Hannover Re nota i notevoli impatti della pandemia nel corso dell’anno. Infatti, l’impatto di COVID-19 ha fatto sì che il conto delle grandi perdite superi le aspettative per il quarto anno consecutivo.

Guardando solo al COVID-19,  Hannover Re ha pagato o riservato un importo di 950,1 milioni di euro per i suoi clienti nella riassicurazione P&C, di cui 330,9 milioni di euro erano attribuibili a sinistri denunciati e 619,2 milioni di euro a sinistri IBNR.

Oltre all’esperienza della pandemia, i sinistri maggiori più gravi per il 2020 comprendono una tempesta che ha colpito le parti orientali degli Stati Uniti con un costo netto di 111 milioni di euro; l’uragano Laura con un costo di 87,5 milioni di euro e l’esplosione del porto di Beirut con un costo di 86,6 milioni di euro.

Nel complesso, la fattura netta per grandi perdite di Hannover Re nell’anno ha raggiunto 1,595 miliardi di euro rispetto a 956,1 milioni di euro nel 2019, che è sostanzialmente superiore al budget di grandi perdite di 975 milioni di euro per il 2020.

Il segmento riassicurativo P&C di Hannover Re ha riportato una perdita di sottoscrizione di 223,5 milioni di euro per il 2020 contro un guadagno di 235,4 milioni di euro nel 2019. Il combined ratio si è indebolito dal 98,2% nel 2019 al 101,6% nel 2020.

Nell’ambito della riassicurazione P&C, il volume dei premi lordi è cresciuto di oltre il 13% a 16,7 miliardi di euro nel 2020, mentre il riassicuratore ha osservato che i prezzi e le condizioni per la protezione riassicurativa sono costantemente migliorati nei vari rinnovi durante l’anno.

La pandemia ha avuto un impatto anche sul segmento riassicurativo Vita e Salute (L&H) della compagnia nel 2020. Le perdite pagate e le riserve relative a COVID-19 hanno raggiunto i 261,1 milioni di euro, la maggior parte dei quali è stata attribuita alle prestazioni di malattia e morte negli Stati Uniti.

Nella riassicurazione L&H, il volume dei premi lordi è aumentato del 2,6% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 8 miliardi di euro. Allo stesso tempo, il risultato operativo è sceso da 569,9 milioni di euro nel 2019 a 384,8 milioni di euro nel 2020.

Nel corso del 2020, il portafoglio di asset in gestione di Hannover Re è aumentato del 3,3% a 49,2 miliardi di euro. Il reddito da investimenti in gestione propria è leggermente diminuito nel 2020 a 1,47 miliardi di euro, determinando un rendimento netto del 3%, che è superiore all’obiettivo del 2,7% circa.

Guardando al futuro, il riassicuratore avverte che il corso della pandemia e l’aumento della mortalità associato rimangono una sfida da prevedere. Soprattutto negli Stati Uniti, la compagnia si aspetta ulteriori spese di perdita nella riassicurazione L&H a causa della pandemia.

“Anche se la pandemia rimane un elemento di incertezza, sono fiducioso che raggiungeremo tutti i nostri obiettivi per l’esercizio 2021 e torneremo all’ottimo livello di redditività registrato nel 2019. Ciò sarà sostenuto dal miglioramento sostenuto dei prezzi e delle condizioni visto nella riassicurazione property e casualty”, ha detto il CEO Henchoz.

Nel corso del 2021, Hannover Re prevede di aumentarei premi lordi di circa il 5%. L’azienda prevede un utile netto di gruppo compreso tra 1,15 e 1,25 miliardi di euro, anche se questo si basa su una spesa per grandi sinistri che non superi significativamente il livello previsto di 1,1 miliardi di euro.