Cresce la domanda di riassicurazione cyber

In una recente intervista con Reinsurance News, Ari Chatterjee di Envelop Risk ha spiegato come il mercato della riassicurazione cyber sia cambiato negli ultimi anni e perché la domanda di protezione è destinata ad aumentare.

“Lo sviluppo del mercato della riassicurazione informatica ha effettivamente accelerato parecchio nel recente passato e uno dei motivi principali è che abbiamo visto i mercati primari espandersi a causa della pandemia”, ha detto Chatterjee.

Dal 2000 al 2020, ha spiegato, l’adozione dell’e-commerce è stata solo del 16%. Tuttavia, con l’estensione del lockdown, in un solo trimestre è passato dal 16% al 27%, e ora è probabilmente molto più alto.

Il risultato di un aumento significativo nell’uso della tecnologia e della digitalizzazione in un piccolo lasso di tempo, è un livello di perturbazione così grande che il lato dell’offerta del mercato si rivela impreparato. La domanda dovrebbe crescere ulteriormente in futuro e l’attuale mercato assicurativo non è attrezzato per soddisfare questa domanda.

“Sicuramente anche la domanda di riassicurazione e la domanda di capacità di retrocessione sta aumentando. Il mercato dell’eccesso di perdite è aumentato più che in passato, ma non nella misura in cui può tenere il passo con l’offerta. Quindi, di sicuro c’è ancora molto lavoro da fare in quel mercato e molte lacune devono essere colmate”, ha continuato.

Mentre la domanda sta certamente crescendo, Chatterjee ha notato che c’è ancora uno squilibrio, poiché non ci sono molti mercati specializzati nella riassicurazione cyber, soprattutto se paragonati ad altri mercati property e infortuni.

“La qualità dei dati in passato per la cyber assicurazione era davvero discutibile. Oggi, sembra che i dati stiano diventando più diffusi e i riassicuratori hanno iniziato a chiederli. Quindi, questo è un grande miglioramento rispetto a qualche anno fa. E questo è molto importante perché senza dati non si può costruire la tecnologia, non si può quantificare il rischio e non si possono strutturare e prezzare gli accordi”.

Envelop Risk è un fornitore di sottoscrizione di rischi informatici per assicuratori e riassicuratori e sfrutta tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale (AI) e l’analisi avanzata per affrontare il rischio. Secondo Chatterjee, la ragione per cui l’azienda ha intrapreso la strada dell’AI e dell’analitica avanzata è perché il cyber è un rischio senziente che si trasforma da solo.

“Quindi, è necessario un sistema di intelligenza che raccolga le tendenze. La bellezza dell’AI è che non stiamo solo estraendo dati dal mercato assicurativo, ma stiamo anche estraendo dati da molte altre fonti come i social media, come le scansioni della superficie di attacco, stavamo guardando le tendenze nel comportamento degli attaccanti, i dati del dark web. E, a questo punto, abbiamo uno dei più grandi set di dati nel settore. Quando si tratta di assicurazione cyber, vediamo più del 90% del mercato in questo momento. In definitiva, crediamo che ci sia molto potenziale di crescita nella riassicurazione cyber”, ha concluso.