Covéa: denuncia alla Procura finanziaria nazionale francese contro il CEO di SCOR

Colpo di scena nella battaglia legale tra SCOR e il suo maggiore azionista, Covéa. Da quando il gruppo mutualista ha cercato di prendere il controllo del riassicuratore nell’agosto 2018, i due gruppi e i loro CEO sono stati ai ferri corti, con SCOR che ha accusato Thierry Derez di abusare della sua posizione a vantaggio di Covéa e della sua offerta pubblica di acquisto pianificata. Il riassicuratore ha vinto un primo round al tribunale commerciale di Parigi in autunno, mentre Covéa e il suo amministratore delegato sono stati condannati a pagare più di 20 milioni di euro di danni (compresi quasi 500.000 euro richiesti dallo stesso Thierry Derez).

Ora è il turno di Covéa, che, in qualità di “maggiore azionista di SCOR”, ha “presentato una denuncia alla procura finanziaria nazionale per conto di Scor, contro il suo amministratore delegato Denis Kessler, per manipolazione dei prezzi e abuso di beni aziendali. “Nel dettaglio, il mutualista lo accusa dei seguenti fatti: “il massiccio riacquisto di circa 4,6 milioni di azioni Scor, per un importo totale di 195 milioni di euro, ha gonfiato artificialmente il prezzo delle azioni e ha portato a un costo aggiuntivo per Scor di 31 milioni di euro”, così come “l’impegno di quasi 16 milioni di euro in commissioni di consulenza per contrastare presumibilmente un tentativo di Covéa di prendere il controllo di Scor, anche se Covéa aveva ritirato la sua proposta altrimenti amichevole già il 4 settembre 2018”. Gli atti di cui Denis Kessler è accusato hanno avuto luogo tra settembre 2018 e gennaio 2019.

Creata dalla legge del 6 dicembre 2013, la Procura Nazionale delle Finanze riceve denunce e segnalazioni su presunti atti di grave crimine finanziario. Può quindi deferire la questione ai servizi di polizia o di gendarmeria per le indagini e compiere tutti gli atti di verifica necessari, come perquisizioni o audizioni. Alla fine dell’indagine, i magistrati dell’ufficio del procuratore finanziario nazionale possono chiudere il caso o rinviarlo a un giudice istruttore per ulteriori indagini, o decidere di perseguirlo rinviandolo al tribunale penale.

Contattato dall’Argus de l’assurance, l’amministratore delegato di SCOR Denis Kessler è fiducioso che i magistrati daranno seguito a questa denuncia, che spera sia archiviata. “Questa denuncia sembra avere il solo obiettivo di distogliere l’attenzione dalle gravi colpe commesse da Thierry Derez e Covéa nella preparazione e nell’attuazione del piano non richiesto di Covéa per prendere il controllo di SCOR nel 2018”, ha scritto SCOR in un comunicato.

Il riassicuratore denuncia “una manovra ingannevole e infondata del gruppo Covéa, tre mesi prima del processo penale che lo prende di mira e del signor Thierry Derez”. Thierry Derez e Covéa sono, infatti, bersaglio di un’azione penale da parte di SCOR per “violazione di fiducia” e “occultamento di violazione di fiducia”. Il processo, che si terrà presso il tribunale penale di Parigi il 5 e 6 luglio 2021, potrebbe comportare una condanna a 3 anni di prigione per Thierry Derez e la perdita della sua posizione di CEO di Covéa, se sarà giudicato colpevole delle accuse contro di lui.

SCOR si difende, nello stesso comunicato stampa, dalle accuse che le sono state rivolte. Per quanto riguarda l’accusa di manipolazione dei prezzi, il riassicuratore ricorda che il programma di riacquisto di azioni SCOR, per un importo di 200 milioni di euro in due anni, era stato annunciato al mercato il 27 luglio 2017, quando Thierry Derez era ancora direttore di SCOR, vale a dire più di un anno prima del tentativo di acquisizione di Covéa. “È stata Covéa che, attraverso il suo comunicato stampa del 4 settembre 2018, e il suo secondo comunicato ambiguo del 27 settembre 2018 “riaffermando il suo interesse” in SCOR, ha generato un forte aumento del prezzo delle azioni SCOR, come il Tribunale Commerciale ha chiaramente stabilito nella sua decisione del 10 novembre 2020 rilevando il “dolo” di Covéa”, osserva SCOR.

Per quanto riguarda le commissioni di consulenza erogate dal riassicuratore, sono “giustificate e legittime” per “difendersi dal tentativo di acquisizione non richiesta di Covéa nel 2018”. Allo stesso modo, i “costi supplementari” sul prezzo delle azioni di SCOR segnalati da Covéa sono considerati dal riassicuratore come derivanti “dalle colpe di Thierry Derez e di Covéa”, avendo causato “un danno finanziario a SCOR”. Una perdita per la quale il riassicuratore ha chiesto un risarcimento dall’inizio di questo braccio di ferro nel 2019 e per la quale ha ottenuto il pagamento dei danni presso il Tribunale del Commercio di Parigi il 10 novembre 2020.

SCOR