Attuazione IDD: secondo AIBA crescono le procedure e diminuisce la concorrenza

Entrano oggi in vigore le modifiche regolamentari IVASS e Consob che completano il quadro applicativo della IDD (Insurance Distribution Directive) la direttiva europea n.2016/97 dedicata all’intermediazione assicurativa, vigente dal 1° ottobre 2018.

“Sin da subito avevamo chiari i punti critici e quelli di forza – commenta Luca Franzi de Luca, Presidente di AIBA Abbiamo innanzitutto apprezzato lo spirito della nuova normativa, che si orientava verso una riduzione della mole di informazioni da fornire al cliente e un contestuale  rafforzamento della responsabilizzazione del distributore, ma dall’altra parte il lavoro del legislatore comunitario denotava sin da subito un certo “strabismo”, nell’erronea convinzione che ciò che funziona per la distribuzione finanziaria sia totalmente applicabile alla distribuzione assicurativa”.

AIBA

Secondo l’Associazione dei broker il completamento della IDD con la regolamentazione della Commissione UE sulla POG (Product Oversight Governance) e poi l’applicazione da parte del legislatore italiano hanno confermato l’impatto penalizzante sull’industria assicurativa.

Ai broker, l’obbligo  per ciascun prodotto di definire e rendere coerenti i propri target market effettivi con quelli del produttore apporterebbe un consistente aggravio dell’attività, senza contare, sia per le compagnie che per i broker la modifica di tutte le informative (dei prodotti e quelle precontrattuali) aggiungendo documenti di sintesi a quelli analitici, con un’informazione che risulta più complessa e quindi meno chiara.

“Come associazione di categoria impegnata non solo a rappresentare i broker ma anche a migliorare e rendere sostenibile il mercato assicurativo a tutela dei clienti dei nostri associati, nel 2018 abbiamo presentato uno standard a IVASS, che però è stata scarsamente reattiva – continua Franzi –Ciò si è sommato ad un’estensione della nuova regolamentazione anche al ramo danni e in generale alla distribuzione di tutte le garanzie assicurative, in totale non osservanza delle indicazioni europee presenti nel testo della IDD, sulla necessaria proporzionalità rispetto alla complessità delle garanzie distribuite. Il risultato è un’applicazione nazionale che tradisce lo spirito della direttiva sul fronte della concentrazione informativa mediante documenti chiave, mentre ha rafforzato i profili di responsabilizzazione degli operatori”.

Secondo Aiba si tratta di una iper-regolamentazione che rende difficilmente sostenibile e mette a rischio l’attività di piccoli e medi broker e che potrebbe avere una serie di effetti sul mercato: meno operatori dimensionalmente più grandi e altamente specializzati per settori, che si interfacciano con un numero ridotto di Compagnie, causando sia una contrazione della concorrenza che una forte standardizzazione dei prodotti distribuiti.

“Sono effetti questi – conclude il Presidente di Aiba – che vanno a discapito della personalizzazione, che serve a rispondere alle reali esigenze di imprese, famiglie, persone.  Continueremo a cercare il confronto con le istituzioni per contribuire a un miglioramento delle disposizioni in materia di intermediazione assicurativa e a un corretto sviluppo del settore, consapevoli del valore di una consulenza del rischio di qualità e responsabile, che ci impegniamo a promuovere nell’augurio che il cliente possa percepire il valore della professionalità rispetto all’industrializzazione di processo”.