Aon / WTW stanno considerando la vendita di Gras Savoye in Francia

Secondo L’argus de l’assurance, circolano voci nel mercato del brokeraggio francese secondo le quali Willis Towers Watson (WTW) potrebbe prendere in considerazione una vendita della sua unità Gras Savoye prima della sua prevista fusione con Aon.

La proposta di fusione dei giganti del brokeraggio è attualmente sotto indagine da parte delle autorità di regolamentazione, con preoccupazioni incentrate su potenziali problemi di concorrenza.

Da un po’ di tempo, è stato suggerito che WTW potrebbe dover considerare una vendita del suo braccio di brokeraggio riassicurativo, Willis Re, per far sì che la fusione soddisfi i requisiti normativi.

Ma fonti de L’argus de l’assurance hanno detto che la cessione di Willis Re potrebbe non essere sufficiente per le autorità europee, il che ha portato alla speculazione che anche Gras Savoye potrebbe essere sul tavolo.

“Aon e Willis hanno stilato una breve lista di attività da cedere, tra cui l’aviazione, i rischi politici, il cyber, il brokeraggio riassicurativo portato da Willis Re e il brokeraggio in Francia con Gras Savoye”, ha confermato a L’Argus un azionista di Willis Towers Watson che ha voluto rimanere anonimo. Ha aggiunto: “Tutte le combinazioni sono possibili oggi. Gras Savoye ha tante possibilità di rimanere nel nuovo gruppo quanto di essere venduto nelle prossime settimane”, ha aggiunto.

Il settimanale nota che il broker francese è un forte asset regionale per WTW con un fatturato di 517 milioni di euro nel 2019 e un alto tasso di penetrazione tra le PMI francesi, il che significa che è probabile che raccolga un forte interesse da parte di potenziali acquirenti.

L’ipotesi di una vendita di Gras Savoye WTW non avrebbe infatti lasciato indifferenti i potenziali acquirenti. Secondo le informazioni del settimanale francese, due gruppi di brokeraggio hanno già espresso il loro interesse per alcune attività di Willis Towers Watson attraverso le banche d’investimento. Il primo è di Arthur J. Gallagher & Co. L’attuale numero 4 al mondo nell’intermediazione, con un fatturato di 7 miliardi di dollari l’anno scorso, non è ancora molto forte in Europa, in particolare in Francia dove non è stabilito. Tuttavia, ha dei partenariati incrociati con Verspieren e Bessé nel contesto del sostegno internazionale ai grandi gruppi. Una tale operazione permetterebbe di formare un terzo solido concorrente globale di fronte a Aon-Willis (20 miliardi di dollari) e Marsh (17,2 miliardi di dollari nel 2020). Un altro candidato non ufficialmente in corsa: Hyperion. La società britannica (797 milioni di euro di fatturato), che non ha mai nascosto il suo interesse per la Francia, potrebbe mettere gli occhi sul solo Gras Savoye Willis Towers Watson. Hyperion ha il vantaggio di avere i mezzi per realizzare le sue ambizioni.

Ma più di questo, si pensa che la vendita potrebbe essere un processo abbastanza indolore per WTW, poiché le fonti dicono che Gras Savoye è rimasto relativamente indipendente da WTW dalla sua acquisizione nel 2016, compresi i sistemi informativi “completamente separati”.

Questi rapporti si basano sul fatto che Aon e WTW dovranno fare 1,5 miliardi di euro (1,8 miliardi di dollari) di disinvestimenti prima della loro fusione per soddisfare gli standard della direzione della concorrenza europea. La vendita di Willis Re dovrebbe soddisfare solo 970 milioni di euro (1,15 miliardi di dollari) di quella quota. All’inizio di questo mese, WTW ha completato la vendita del suo braccio di brokeraggio specializzato, Miller, a Cinven e GIC.