2020 in calo per PartnerRe

PartnerRe, la società di riassicurazione con sede alle Bermuda parte del gruppo Exor, ha riportato un utile netto di 204 milioni di dollari e 206 milioni di dollari rispettivamente per il quarto trimestre e per l’intero anno 2020, mentre gli impatti degli eventi catastrofali durante l’anno e la pandemia in corso hanno spinto al ribasso i risultati della sottoscrizione.

L’utile netto di PartnerRe per il trimestre è migliorato rispetto alla perdita netta registrata un anno prima e comprendeva guadagni netti realizzati e non realizzati di 20 milioni di dollari su scadenze fisse e investimenti a breve termine, e 103 milioni di dollari di perdite nette su cambi.

Per l’anno, l’utile netto è diminuito significativamente dagli 890 milioni di dollari riportati nel 2019, e ha incluso guadagni netti realizzati e non realizzati su scadenze fisse e investimenti a breve termine di 245 milioni di dollari, e perdite nette su cambi per 52 milioni di dollari.

Le operazioni di PartnerRe sono state colpite dalla pandemia COVID-19, nonché da una serie di eventi catastrofici naturali e causati dall’uomo.

Per l’intero anno, PartnerRe ha riportato 397 milioni di dollari di perdite, al lordo delle imposte, al netto dei premi di retrocessione e reintegro, come risultato diretto della pandemia COVID-19 e dei relativi effetti della recessione economica.

La cifra di 397 milioni di dollari include 31 milioni di dollari di perdite da pandemia registrate nel quarto trimestre del 2020, di cui 20 milioni di dollari nelle linee di rischi finanziari speciali e 11 milioni di dollari di perdite nel segmento Vita e Salute aziende.

Nel segmento danni, PartnerRe ha riportato una crescita dei premi netti contabilizzati del 7% per il trimestre e un calo dell’11% per l’intero anno. L’aumento trimestrale è stato guidato da un aumento del 15% nel ramo P&C, mentre il calo del 2020 riflette gli aggiustamenti dell’esposizione dei premi.

Per il quarto trimestre 2020, PartnerRe ha riportato un risultato di sottoscrizione danni di 21 milioni di dollari e un combined ratio del 98,6%, che è un miglioramento rispetto al combined ratio del 113,8% registrato nello stesso periodo del 2019.

Per l’intero anno, PartnerRe ha registrato una perdita di sottoscrizione non vita di $ 304 milioni con un combined ratio del 106%, contro una perdita di $ 20 milioni nel 2019 e un combined ratio del 100,3%.

Per il 2020, la divisione Specialty ha registrato un combined ratio del 112,2% contro il 103% per il 2019, guidato da perdite legate a COVID-19 per 211 milioni di dollari e da un maggiore sviluppo avverso delle riserve degli anni precedenti.

Nel ramo Vita e Salute, i premi netti contabilizzati sono aumentati dell’1% nel trimestre e sono rimasti stabili per l’intero anno. L’utile di sottoscrizione allocato ha raggiunto $ 22 milioni nel Q4 2020 contro una perdita di $ 3 milioni per il Q4 2019, guidata da miglioramenti nell’attività a breve termine dell’azienda, in qualche modo compensata da perdite trimestrali COVID-19 di $ 11 milioni.

Per l’intero anno 2020, l’utile di sottoscrizione è sceso leggermente a $ 70 milioni dal risultato di $ 73 milioni dell’anno precedente. PartnerRe attribuisce il calo su base annua a 26 milioni di dollari di perdite da pandemia.

Per quanto riguarda la performance degli investimenti, PartnerRe ha annunciato guadagni di investimento realizzati e non realizzati nel quarto trimestre e nell’intero anno 2020 rispettivamente di 269 milioni di dollari e 454 milioni di dollari.