I super ricchi sono in crescita

di Roberto Carcano
Mentre l’economia globale rallenta e i mercati sono in calo in seguito all’effetto Coronavirus, l’élite mondiale dei super ricchi continua a crescere. Secondo il Knight Frank’s Wealth Report 2020, l’indagine redatta annualmente da una primaria società immobiliare britannica, il numero di persone con un patrimonio netto superiore a 30 milioni di dollari (circa 27 milioni di euro) è aumentato nel 2019 di 31 mila unità. Una crescita del 6% che porta a 513.244 il totale di High Net Worth Individual (UHNWI) che vivono sul pianeta, poco meno di 11 mila dei quali sono italiani. Il Belpaese è al settimo posto nella classifica per nazioni, in testa alla quale troviamo inevitabilmente gli Stati Uniti con 240.575 super ricchi – quasi la metà del totale, dunque – seguiti dalla Cina con 61.587, e poi, più distanziati, da Germania, Francia, Giappone e Gran Bretagna.
Al netto di quelli che potranno essere gli effetti del virus – ancora incalcolabili anche se alcuni economisti cominciano a intravedere forti ripercussioni sul fronte sia della domanda sia dell’offerta – il trend sembra comunque destinato a crescere ulteriormente. Secondo la ricerca, infatti, entro il 2024 l’élite dei Paperoni potrebbe arrivare a 650 mila unità, con un aumento del 27%, in virtù soprattutto dell’incremento degli UHNWI in Asia, cresciuta complessivamente del 13%, dove alcuni paesi – in particolare India, Indonesia Egitto, Malesia e Vietnam – hanno messo a segno negli ultimi anni ottime performance economiche.
Il Wealth Report 2020 esamina anche 100 città in tutto il mondo, valutando la loro attrattività in base a parametri come la ricchezza complessiva, la possibilità di investire con successo e lo stile di vita. Anche qui la graduatoria è dominata dal Nord America, che piazza nella Top 20 ben otto delle sue città, tra le quali spicca New York, che è prima sia a livello generale sia nelle categorie ricchezza e investimenti, preceduta da Londra e Parigi nell’ambito del Lifestyle.
Anche in questa classifica le metropoli asiatiche fanno la loro parte, con Shanghai, Hong Kong e Singapore ben piazzate negli investimenti e per lo stile di vita, mentre Tokyo è terza per quanto riguarda la ricchezza. Detto poi che nell’elenco generale la new entry dell’anno è Mosca e che Sydney assicura una presenza australiana, vale la pena di sottolineare la scarsa presenza delle capitali europee: oltre a Londra e Parigi, infatti, entrano nella Top 20 soltanto Madrid, Amsterdam e, in penultima posizione, Vienna. Nessuna menzione per le città italiane, ma questa, bisogna ammetterlo, non può certo costituire una sorpresa. (riproduzione riservata)

Fonte: