Munich Re supera i target di utile e aumenta il dividendo

Munich Re ha registrato un utile di 2.707 milioni di euro (in crescita rispetto ai 2.275 milioni di euro di un anno prima) nel 2019 e di 217 milioni di euro (contro 238 milioni di euro di un anno prima) nel quarto trimestre.
Il risultato operativo è in crescita rispetto all’anno precedente e ammonta a 4.004 milioni di euro (contro 3.725 milioni), mentre l’altro risultato non operativo è pari a -665 milioni di euro.
I premi lordi contabilizzati sono aumentati del 4,9% rispetto all’anno precedente, attestandosi a 51.457 milioni di euro.
Il patrimonio netto, pari a 30.576 milioni di euro, è in forte crescita rispetto al livello di inizio anno (26.500 milioni di euro), grazie in particolare al buon risultato consolidato e all’incremento delle riserve da valutazione su titoli a reddito fisso e su azioni. Il coefficiente di solvibilità a fine anno si attestava intorno al 237% (31.12.2018: 245%). 
Il bilancio mostra un rendimento annualizzato del capitale proprio (RoE) del 9,2%.
Nell’ambito del programma di riacquisto di azioni, Munich Re ha riacquistato 4,3 milioni di azioni nel 2019, per un valore complessivo di 1,0 miliardi di euro. 
Il settore riassicurativo ha contribuito al risultato consolidato dell’esercizio 2019 per 2.268 milioni di euro (1.864 milioni nel 2018) e il risultato del quarto trimestre è stato di 116 milioni di euro (185 milioni nel 2018). Il risultato operativo ammonta a 2.613 milioni di euro (2.464 milioni nel 2018). I premi lordi contabilizzati sono aumentati a 33.807 milioni di euro.
La riassicurazione Vita/Malattia ha generato un utile di 706 milioni di euro (729 milioni nel 2018) nel 2019. La raccolta premi è aumentata a 11.716 milioni di euro (10.849 milioni nel 2018). Il risultato tecnico, incluso il risultato delle attività con trasferimento di rischio non significativo, è stato di 456 milioni di euro nel 2019 e di 70 milioni di euro nel quarto trimestre. Nonostante la crescita straordinariamente buona in alcuni mercati, l’obiettivo di 500 milioni di euro per l’intero anno 2019 è stato mancato per poco. Munich Re prevede che il risultato tecnico – compreso il risultato delle attività con un trasferimento di rischio non significativo – continuerà a salire in futuro, e ha aumentato il suo obiettivo per il 2020 a 550 milioni di euro.
Nel 2019 la riassicurazione Danni/Infortuni ha contribuito con utili per 1.562 milioni di euro (1.135 milioni). Il volume dei premi è salito a 22.091 milioni di euro (20.437 milioni). A causa degli elevati sinistri rilevanti, il combined ratio dell’intero esercizio è stato pari al 101,0% (99,4%) dei premi netti di competenza, mentre nel quarto trimestre è stato pari al 112,5% (105,1%).
I sinistri rilevanti, pari a oltre 10 milioni di euro ciascuno, ammontano a 3.124 milioni di euro (2.152 milioni di euro) per l’intero esercizio e a 1.462 milioni di euro (886 milioni di euro) per il quarto trimestre. Le spese per grandi perdite dell’intero esercizio corrispondono al 15,2% (11,6%) dei premi netti di competenza, e si collocano quindi ben al di sopra del valore medio atteso a lungo termine del 12%. Le grandi perdite provocate dall’uomo sono state relativamente elevate, pari a 1.071 milioni di euro (896 milioni di euro), dovute in particolare alle perdite nel settore aeronautico/spaziale e agli incendi. L’impatto dei grandi sinistri da catastrofi naturali è stato di 2.053 milioni di euro (1.256 milioni). Le catastrofi naturali più costose per Munich Re nel 2019 sono state i tifoni Hagibis (circa 780 milioni di euro) e Faxai (circa 530 milioni di euro).
Nell’esercizio 2019 sono state liberate riserve per sinistri di base degli anni precedenti per un totale di circa 1.154 milioni di euro, pari al 5,6% dei premi netti di competenza. 
Con i rinnovi al 1° gennaio 2020, Munich Re è riuscita ad aumentare il volume degli affari sottoscritti a 10,6 miliardi di euro (+4,4%). È stata rinnovata circa la metà delle attività nel settore degli investimenti immobiliari, con particolare attenzione all’Europa, agli Stati Uniti (principalmente escludendo il settore nat cat) e alle attività globali.
In questo contesto, l’andamento dei prezzi è variato tra i diversi segmenti di mercato in linea con le diverse esperienze di sinistri. Nel complesso, i prezzi del portafoglio di Munich Re sono aumentati dell’1,2%. 
Munich Re prevede che il contesto di mercato migliorerà nei prossimi cicli di rinnovo in aprile e luglio, poiché i trattati nelle regioni con una significativa esperienza di sinistri nel 2019, come il Giappone, saranno in fase di rinnovo.
ERGO ha generato utili per 440 milioni di Euro (412 milioni) nel 2019, di cui 101 milioni di Euro (53 milioni) nel quarto trimestre. ERGO è così sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi del piano strategico. La raccolta premi totale di tutti i segmenti è rimasta complessivamente stabile nel 2019 a 18.880 milioni di Euro (18.688 milioni), nonostante l’ottimizzazione del portafoglio internazionale; i premi lordi contabilizzati ammontano a 17.650 milioni di Euro (17.778 milioni).
Il risultato degli investimenti del Gruppo (esclusi gli investimenti assicurativi) è aumentato nel 2019 a 7.737 milioni di euro (6.526 milioni di euro). Nonostante i bassi tassi d’interesse, i proventi ordinari degli investimenti sono leggermente aumentati a 6,751 milioni di euro (6,586 milioni). L’elevato risultato degli investimenti ha beneficiato in parte delle elevate plusvalenze derivanti dalla cessione di titoli a tasso fisso e azioni. Il saldo delle plusvalenze e minusvalenze da cessione esclusi i derivati è aumentato in misura corrispondente a 2.779 milioni di euro (1.582 milioni), compensando così perdite per 717 milioni di euro (+103 milioni) nel risultato dei derivati, causate principalmente dalle perdite di mercato dei derivati azionari.
Munich Re punta ad aumentare i suoi utili a 2,8 miliardi di euro. Di questi, circa 2,3 miliardi di euro saranno generati dal settore riassicurativo e circa 530 milioni di euro da ERGO.
Il buon risultato del 2019 e i previsti miglioramenti della redditività per il 2020 consentono a Munich Re di proporre al Consiglio di Sorveglianza e all’Assemblea generale un aumento del dividendo a 9,80 euro per azione e di avviare un ulteriore programma di buy-back di azioni per un volume di 1 miliardo di euro.
Munich Re