Le modalità di liquidazione del danno alla salute in caso di menomazioni concorrenti

Nel danno alla salute, sono coesistenti le menomazioni i cui effetti invalidanti non mutano per il fatto che si presentino sole o associate ad altre menomazioni, anche se afferenti i medesimi organi; sono, invece, concorrenti le menomazioni i cui effetti invalidanti sono meno gravi se isolate, e più gravi se associate ad altre menomazioni, anche se afferenti ad organi diversi.

Le menomazioni coesistenti sono di norma irrilevanti ai fini della liquidazione, né può valere in ambito di responsabilità civile la regola sorta nell’ambito dell’infortunistica sul lavoro, che abbassa il risarcimento sempre e comunque per i portatori di patologie pregresse.

Le menomazioni concorrenti vanno di norma tenute in considerazione:

  1. a) stimando in punti percentuali l’invalidità complessiva dell’individuo (risultante, cioè, dalla menomazione preesistente più quella causata dall’illecito), e convertendola in denaro;
  2. b) stimando in punti percentuali l’invalidità teoricamente preesistente all’illecito, e convertendola in denaro; lo stato di validità anteriore al sinistro dovrà essere però considerato pari al 100% in tutti quei casi in cui le patologie pregresse di cui il danneggiato era portatore non gli impedivano di condurre una vita normale;
  3. c) sottraendo l’importo (b) dall’importo (a).

Cassazione civile sez. III, sentenza dell’11/11/2019 n. 28986

danno alla salute