Italia tra i Paesi a maggior rischio hacker per il cloud

l paese dell’area continentale europea più esposto al rischio di cyberattacchi è l’Olanda, seguita da Bulgaria e Bielorussia. I Paesi più sicuri sono invece Irlanda, Norvegia e Danimarca. L’Italia, che compare in nona posizione soltanto nel ranking dei Paesi più esposti al rischio di eventuali attacchi cloud.

Sono i dati pubblicati da Specops Software, che ha analizzato la percentuale di attacchi su Azure e la percentuale di apparecchiature che sono state prese di mira da attacchi di data mining, malware e ransomware, utilizzando i dati del Microsoft intelligence report.

Al di là della nona posizione nella classifica specifica sul Cloud, in ogni caso, l’Italia non compare in generale nelle varie top ten dello studio, né tra i Paesi meno esposti né tra quelli più a rischio, veleggiando nelle posizioni centrali nel gruppo dei 32 Paesi presi in considerazione.

Quanto alle offensive finalizzate al mining di criptovalute, i più esposti sono Bielorussia, Ukraina e Bosnia Erzegovina, con la top ten occupata stabilmente dai Paesi dell’Europa orientale: a seguire infatti ci sono Serbia, Bulgaria, Romania, Lituania, Croazia, ungheira e Lettonia. Quanto agli Stati meno esposti a questo genere di rischi a guidare la classifica è l’Irlanda, seguita da Regno Unito e Norvegia. Poi Danimarca, Svizzera, Svezia, Finlandia, Austria, Germania e Olanda.

Se si prende invece in considerazione il rischio malware, le prime tre posizioni del ranking sono occupate da Bielorussia, Ukraina e Bosnia Erzegovina, mentre le aree più sicure sono di nuovo l’Irlanda, la Finlandia e la Norvegia.

Nel ranking dedicato ai ransomware svettano per la loro esposizione agli attacchi Ukraina, Bielorussia e Bosnia Erzegovina, e per la loro capacità di tenersi al sicuro dagli hacker Irlanda, Regno Unito e Francia.

Fonte: Corcom

cloud