Eiopa: le misure per mitigare l’impatto di Covid-19 sulle imprese di assicurazione

L’EIOPA, in stretta comunicazione e cooperazione con le altre autorità europee di vigilanza (ESA) e con il Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), ha monitorato molto attentamente la situazione del Coronavirus/COVID-19.

L’Authority prevede che gli assicuratori si troveranno ad affrontare condizioni progressivamente difficili nell’immediato futuro, sia per quanto riguarda le condizioni di mercato difficili, sia per quanto riguarda il mantenimento delle operazioni, adottando al contempo misure per proteggere i dipendenti e i clienti.

Queste le considerazioni e le misure proposte:

Business continuity
1. È particolarmente importante che gli assicuratori siano in grado di mantenere i servizi ai loro clienti. In questo senso, le compagnie di assicurazione dovrebbero essere pronte ad attuare le misure necessarie per garantire la continuità operativa.

2. Al fine di offrire un sollievo operativo in risposta ai coronavirus, le autorità nazionali competenti dovrebbero essere flessibili per quanto riguarda la tempistica delle segnalazioni di vigilanza e la divulgazione al pubblico per quanto riguarda la fine del 2019. L’EIOPA coordinerà le specifiche dell’approccio.

3. Inoltre, a breve termine, l’EIOPA limiterà le sue richieste di informazioni e le consultazioni al settore agli elementi essenziali necessari per valutare e monitorare l’impatto della situazione attuale del mercato.

4. EIOPA proroga di due mesi, fino al 1° giugno 2020, la scadenza della valutazione d’impatto globale per la revisione della direttiva Solvency II del 2020. Nei prossimi giorni l’EIOPA comunicherà i dettagli sul rinvio di ulteriori obblighi di segnalazione e di informazione.

Solvibilità e posizione patrimoniale
5. Ai sensi di Solvency II, le compagnie di assicurazione UE sono tenute a detenere su base continuativa fondi propri ammissibili sufficienti a coprire il loro requisito patrimoniale di solvibilità. Il requisito patrimoniale di solvibilità basato sul rischio consente alle imprese di assicurazione di assorbire perdite significative e di dare fiducia ai contraenti e ai beneficiari che i pagamenti saranno effettuati alla scadenza.
6. Inoltre, il quadro di Solvency II include una scala di intervento di vigilanza tra il Requisito Patrimoniale di Solvibilità e il Requisito Patrimoniale Minimo, che è il livello minimo di sicurezza al di sotto del quale le risorse finanziarie di un’impresa non dovrebbero scendere. Ciò consente flessibilità in caso di situazioni estreme, comprese misure per estendere il periodo di recupero degli assicuratori interessati, ad esempio, come previsto dall’articolo 138 della direttiva Solvency II.
7. Inoltre, recenti stress test hanno dimostrato che il settore è ben capitalizzato e in grado di trattenere gravi ma plausibili shock al sistema.
8. Il quadro di Solvency II comprende anche una serie di strumenti che possono essere utilizzati per mitigare i rischi e gli impatti sul settore.
L’EIOPA e le autorità nazionali garanti della concorrenza sono pronte ad attuare questi strumenti, se e quando necessario, in modo coordinato, per garantire la protezione degli assicurati e la salvaguardia della stabilità finanziaria.
9. Ciononostante, le compagnie di assicurazione dovrebbero adottare misure per preservare la loro posizione patrimoniale in equilibrio con la protezione degli assicurati, seguendo prudenti politiche di distribuzione dei dividendi e altre politiche di distribuzione, compresa la remunerazione variabile. 
10. Nonostante gli strumenti e i poteri esistenti, e insieme alle autorità nazionali e alle altre AEV e al CERS, l’EIOPA continuerà a monitorare la situazione e adotterà o proporrà alle istituzioni dell’UE qualsiasi misura necessaria per mitigare l’impatto della volatilità del mercato sulla stabilità del settore assicurativo in Europa e salvaguardare la protezione degli assicurati.
Eiopa