Cyber-frode del ceo, è allerta

Pagina a cura di Roxy Tomasicchio
Il ricorso a smartworking e telelavoro impone di alzare la guardia verso i possibili attacchi informatici. In particolare quelli che sfruttano false e-mail. In tal caso cosa fare? Gli imprenditori devono ribaltare il punto di vista e il rapporto di fiducia e devono pensare che ogni comunicazione o richiesta di dati sia anomala. Così Marco Lucchina, cybersecurity manager di CybergON Security, business unit di Elmec Informatica, spiega a ItaliaOggi Sette come evitare la cosiddetta «frode del ceo». Prende il nome dal chief executive officer, cioè l’amministratore delegato di una società, in quanto appunto il cybercriminale si finge il ceo, o un’altra figura manageriale, di un’azienda e si inserisce in conversazioni via e-mail già esistenti o inizia trattative con utenti che abitualmente hanno una corrispondenza con la persona a cui ha rubato l’identità virtuale o si occupano di contabilità aziendale. Tecnicamente, infatti, questi attacchi ricadono sotto la tipologia delle frodi Bec, business email compromise, che prevedono la compromissione di account aziendali. «È uno degli attacchi più sofisticati, servono competenze tecniche e di ingegneria sociale, è predisposto solo dopo una lunga e approfondita preparazione da parte del cybercriminale che deve far propri contenuti e modalità di comunicazione di chi andrà a fingersi, per questo molto spesso è molto difficile riconoscerli. L’obiettivo sono i soldi, mi permetto di aggiungere come sempre. In questo modo si arriva direttamente all’obiettivo, quando rubano le informazioni arrivano all’obiettivo solo dopo averle rivendute», dice ancora Lucchina. Secondo un’analisi di Symantec, l’Italia, con circa 400 aziende colpite al giorno, è al secondo posto dopo gli Stati Uniti per numero di attacchi di questo tipo. Ma lo scenario potrebbe anche essere più grave, visto che la maggior parte delle vittime preferisce non dichiarare l’attacco. Infatti, aggiunge Lucchina, «ci sono i dati della polizia postale, che però si riferiscono a qualcosa di più esteso, ossia le truffe che portano a fare bonifici extra-Ue: sono stati quantificati in denunce per 35 milioni di euro per il 2018. Secondo noi è solo la punta dell’iceberg, dato che pochi denunciano».
In questo periodo, in cui, per l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus, le aziende stanno incentivando il lavoro da remoto dei propri dipendenti, limitando quanto più possibile i contatti personali, aumentano le possibilità di essere colpiti da attacchi di questo tipo. Soprattutto a essere nel mirino dei cybercriminali sono le aziende che fanno affidamento solo sulle e-mail per i processi interni. «Se i bonifici fossero fattibili solo da Erp (Enterprise resource planning, ovvero software gestionali, nda) e con l’autorizzazione esplicita di più persone la riuscita sarebbe più complessa. Come altre truffe, colpiscono persone non consapevoli del rischio o superficiali rispetto ai processi interni», riferisce il cyber security manager di CybergON, nuova business unit dedicata alla sicurezza informatica di Elmec, società che a sua volta offre servizi e soluzioni It. «Le conseguenze di questi attacchi possono essere estremamente critiche. Oltre alla perdita di denaro, infatti, entra in gioco il tema reputazionale della società e naturalmente dei dirigenti che vengono coinvolti».
Per evitare di cadere in questa frode un buon punto di partenza è la consapevolezza che queste dinamiche esistono e che ognuno di noi può diventarne vittima. A questo scopo è fondamentale la formazione: «noi mettiamo a disposizione due moduli gratuiti che mostrano le tipologie di attacco e alcuni esempi», dice Lucchina. «Dobbiamo fare in modo che le persone invertano la relazione di fiducia soprattutto se stanno lavorando da casa: devono pensare che ogni comunicazione sia potenzialmente malevola e chiedersi se rientra nella classificazione di anomalia: “mi sarei aspettato questo o è strano”? Se nessuno ti ha mai chiamato per chiederti la password, non lo farà neanche ora».
Per dare indicazioni concrete alle imprese, inoltre, CybergON ha individuato i campanelli d’allarme utili per riconoscere un attacco di questo tipo prima che sia troppo tardi (si veda la tabella in pagina). Ovviamente la richiesta di denaro deve insospettire, soprattutto se si chiede di far riferimento a un conto corrente diverso da quello normalmente utilizzato. In genere i cybercriminali preferiscono che le conversazioni avvengano solo via e-mail, motivando la sua richiesta con ragioni di urgenza e confidenzialità. In sintesi è bene prestare attenzione a qualsiasi episodio che non rientra nel normale funzionamento delle cose. «Dopo aver riconosciuto uno dei campanelli d’allarme», conclude Lucchina, «occorre segnalare al proprio supporto tecnico la cosa e verificare sempre il mittente con un canale di comunicazione differente». Mentre a livello preventivo si può agire su due fronti: formare gli utenti e configurare i sistemi di posta con capacità crittografiche e reputazionali. Le buone abitudini legate alle truffe online sono sempre valide per evitare brecce negli account di posta: password efficaci e autenticazioni multi-fattore mitigano il rischio», prosegue, «avere un processo interno di gestione e controllo delle e-mail fornisce inoltre un ulteriore livello di protezione da eventuali tentativi di attacco Man in The Middle (tradotto uomo nel mezzo, l’attaccante si inserisce in una comunicazione tra due utenti con lo scopo di spiare, registrare e rubare informazioni, nda) o frode del Ceo. Procedure anti-frode, l’analisi delle mail, dei domini e di altri indizi sono alcune modalità di intervento che la specialità di Cyber Intelligence può farsi carico per garantire una strategia di difesa efficace. Ciò che individualmente possiamo fare è rimanere vigili, fare controlli incrociati su richieste inconsuete chiamando il diretto interessato, verificare sempre l’indirizzo del mittente e agire solo ed esclusivamente quando si è sicuri della legittimità della richiesta e della fonte».
© Riproduzione riservata

Fonte:
logoitalia oggi7