Coronavirus: quale impatto per le assicurazioni?

È una crisi sanitaria… che si trasforma in crisi economica. Lo scoppio del Coronavirus (Covid-19), che ha superato il limite di 90.000 persone contaminate in tutto il mondo, sta scuotendo anche le aziende. Trasporti aerei, turismo, alberghi, ristoranti: tutti questi settori sono colpiti duramente. E l’assicurazione?

Mentre sul piano tecnico, il settore dovrebbe essere solo lievemente toccato, conferma l’agenzia di rating Moody’s in un rapporto pubblicato lunedì scorso, gli impatti della crisi del coronavirus si fanno sentire soprattutto in modo indiretto.
Per i riassicuratori, la pandemia di coronavirus sarà un evento “non materiale” e non avrà “conseguenze significative” sul settore vita nel 2020, ha spiegato il CEO di SCOR Denis Kessler, durante la presentazione dei risultati annuali. “La popolazione generale non è la popolazione assicurata o riassicurata”, ha ricordato al pubblico. “Una grave influenza colpisce da 300.000 a 600.000 persone all’anno e questo accade regolarmente. Con il coronavirus, non dovremmo nemmeno raggiungere quella cifra. Il nostro lavoro di modellazione supporta queste conclusioni”, afferma.
Un’analisi confermata da Moody’s: “L’esposizione alla pandemia dei riassicuratori globali è significativa solo a livelli di gravità molto elevati. Negli ultimi anni i riassicuratori globali hanno beneficiato di una crescita significativa in Cina e nel resto dell’Asia. Tuttavia, la loro esposizione alla regione rimane moderata rispetto al loro portafoglio complessivo”, precisa l’agenzia di rating.
Gli assicuratori vita europei e nordamericani hanno “poca esposizione al rischio di mortalità in Cina”. L’impatto dell’epidemia sarà quindi “limitato”, a meno che “il contagio sia globale con un’alta mortalità”, in particolare in Europa e in Nord America.

Per quanto riguarda l’assicurazione danni e infortuni, l’impatto dovrebbe essere ancora una volta “limitato”, secondo Moody’s. “Le richieste di risarcimento per interruzione dell’attività saranno limitate perché queste polizze generalmente escludono le malattie infettive e vengono attivate solo in caso di danni fisici”, afferma l’agenzia. Gli assicuratori che coprono l’annullamento di eventi (concerti, competizioni sportive) potrebbero essere maggiormente colpiti. Ma anche in questo caso, il rischio di epidemie è spesso escluso dalla copertura. 


La crisi del coronavirus si ripercuoterà ulteriormente sull’assicurazione globale in termini finanziari. La prospettiva di un rallentamento dell’economia – l’OCSE ha rivisto al ribasso le sue previsioni di crescita dal 2,9% al 2,4% a livello mondiale, e dall’1,2 allo 0,9% in Francia – sta effettivamente scuotendo i mercati finanziari.
Secondo Moody’s, la volatilità è dannosa per gli assicuratori europei, che potrebbero vedere i loro coefficienti di solvibilità influenzati negativamente dai movimenti del mercato. Il calo dei tassi d’interesse – che probabilmente continuerà con le reazioni accomodanti delle banche centrali statunitensi ed europee – e l’ampliamento degli spread creditizi dovrebbero mettere sotto pressione la redditività degli assicuratori. In particolare, l’agenzia di rating si aspetta un minore rendimento degli investimenti dei propri portafogli di attività, comprese le perdite sulle esposizioni azionarie.
In questo contesto, gli assicuratori vita, già segnati dal passaggio dei tassi in territorio negativo della scorsa estate, rischiano di trovarsi in una morsa: tra un calo dei tassi d’interesse che si rifletterà al ribasso nei rendimenti sui fondi in euro e la necessità di promuovere prodotti unit-linked in un momento in cui i mercati azionari sono in tumulto.
Coronavirus