Coronavirus: l’impatto psicologico della crisi sanitaria

In un rapporto, Zurich insurance sottolinea le conseguenze psicologiche della crisi sanitaria che il mondo sta attraversando. L’assicuratore sottolinea il ruolo delle aziende nel garantire il benessere dei propri dipendenti anche in tempi di contenimento.

Mentre l’Italia e la Spagna hanno superato la Cina nel numero di decessi dovuti al coronavirus, il numero di casi confermati continua ad aumentare anche negli altri paesi.

In un rapporto intitolato “The Human Consequences of COVID 19’s Interconnected Risks“, Zurich sottolinea che, oltre alle questioni economiche e finanziarie, anche le popolazioni confinate possano trovarsi ad affrontare problemi psicologici e psicosociali. Le aziende avrebbero un ruolo chiave nel benessere psicologico dei loro dipendenti.

Così, l’assicuratore inizia ricordando a tutti il proprio ruolo, e in particolare quello della compagnia. Specifica che “le misure sanitarie devono essere la prima priorità dei governi, delle aziende e della società. È importante che le aziende siano solidali e lavorino insieme per proteggere i dipendenti, le comunità locali e i clienti, nonché per garantire il buon funzionamento delle catene di fornitura, della produzione e della logistica. Le aziende hanno quindi un ruolo importante da svolgere sia per la società che per i loro dipendenti.

Oltre alle conseguenze economiche, la crisi sanitaria che stiamo attraversando avrebbe un costo umano significativo. L’assicuratore ci invita a non trascurare “i costi umani della pandemia”, che non si limiterebbero alle perdite umane, ma includerebbero anche “gli effetti fisici sui contagiati, oltre al trauma mentale e alla paura, che quasi tutta la popolazione deve affrontare”.

Secondo l’assicuratore “La paura emanerebbe dalle incognite dell’evoluzione della pandemia e delle sue conseguenze in termini di salute economica, fisica e mentale. In questo contesto ansioso e solitario la rabbia è in aumento e l’empatia sembra in calo”, descrive il rapporto di Zurich Insurance.

Il confinamento, l’isolamento e l’isolamento sociale possono portare a “sintomi di stress traumatico, confusione e rabbia”. Tutti questi fattori sono esacerbati dalla paura di un’infezione, da un accesso limitato ai beni di prima necessità, dalla disinformazione o da difficoltà economiche”. Inoltre, lo stress e l’ansia possono portare a un aumento del consumo di alcolici, così come a un aumento della violenza domestica.

A Jingzhou, una città vicino a Wuhan, nella provincia di Hubei, la stampa ha riportato un triplice aumento della violenza domestica durante il confinamento nel febbraio 2020 rispetto al febbraio 2019.

Il contenimento generale, la chiusura di scuole e la chiusura di aziende non essenziali per la capacità della nazione di funzionare correttamente per combattere la diffusione del coronavirus creano ulteriori pressioni. Inoltre, i dipendenti impiegati nel telelavoro si trovano ad affrontare tutte queste pressioni, pur dovendo mantenere la loro produttività.

“Di fronte al loro isolamento, le aspettative dei dipendenti nei confronti della loro azienda e dei loro dirigenti sono estremamente elevate. Le aziende e i dirigenti devono mantenere una presenza con i dipendenti e non lasciarli soli. Il quadro professionale deve essere mantenuto”, conclude lo studio.

psicologico