Cattolica chiude il 2019 con una raccolta premi a 7 mld (+19,9%), mentre l’utile scende a 75 mln (-29,9%)

Il cda di Cattolica Assicurazioni ha approvato i risultati dell’esercizio 2019 che ha registrato un incremento della raccolta premi complessiva del 19,9% a 7 miliardi di euro. In calo del 29,9% l’utile netto sceso a 75 milioni rispetto ai 107 mln dell’anno precedente, mentre il risultato operativo è migliorato del 3,1% salendo a 302 milioni.

In una nota il gruppo veronese precisa che la raccolta premi del lavoro diretto nei rami Danni ha segnato un +2,5% a 2,1 miliardi. Al risultato contribuisce per 1,0 miliardi il segmento Non Auto, che segna un incremento del 7,3% grazie alle numerose iniziative previste nel piano industriale volte a riequilibrare il mix del business Danni a favore del Non Auto.

Nel Vita la raccolta Vita è migliorata del 30,0% a 4,7 miliardi, con una crescente incidenza delle unit-linked (30,5% sul totale) e dei prodotti tradizionali a basso profilo di rischio.

Il combined ratio passa dal 93,4% del 2018 al 94,3% del 2019 (+0,9 p.p.), nonostante l’impatto dell’aumento dei sinistri collegati agli eventi atmosferici sia stato del 6,4% dei premi netti, pari a un aumento di 2,2 p.p. rispetto allo scorso esercizio.

Sul versante patrimoniale, l’indice Solvency II del gruppo è pari a 175%, mentre il patrimonio netto consolidato sale a 2,351 miliardi.

“Abbiamo chiuso un anno positivo, caratterizzato da tante sfide che abbiamo saputo cogliere ed affrontare con coraggio e determinazione” ha detto Paolo Bedoni, presidente del Gruppo Cattolica Assicurazioni. “In un contesto sempre più concorrenziale, i risultati del nostro Gruppo hanno confermato ancora una volta la crescita registrata negli scorsi anni e la solidità della nostra Compagnia. L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo sta mettendo a dura prova il sistema economico e finanziario dell’intero Paese, ma abbiamo la forza e la competenza per superarla, come è già stato nella lunga storia della nostra società, con l’aiuto di ciascuno di noi e delle Istituzioni, nazionali ed europee. Anche Cattolica è chiamata a dare il suo contributo e, come sempre, farà di tutto per garantire sicurezza e sviluppo ai territori e alle comunità in cui opera”.

A fronte della diffusione della pandemia Covid-19, Cattolica Assicurazioni fa sapere di aver intrapreso numerose iniziative per aiutare clienti, agenti e l’intera popolazione per un ammontare di oltre 6 milioni di euro di contributi, suddivisi in erogazioni a favore di clienti per far fronte alle interruzioni delle loro attività economiche, oltre a molteplici interventi a favore di strutture ospedaliere, soprattutto nelle province più colpite.

Cattolica Assicurazioni