Cinquecento posti per fare consulenza previdenziale

Alessandro Visparelli descrive il progetto «Universoprevidenza»

Alessandro Visparelli, presidente Enpacl
Ai nastri di partenza il progetto formativo 2018 «UniversoPrevidenza» realizzato dall’Enpacl con l’obiettivo di formare e supportare la Categoria nella consulenza previdenziale alle imprese e ai lavoratori. L’Ente di previdenza mette a disposizione, fino al prossimo 30 marzo, 500 posti per partecipare a corsi di formazione altamente qualificati che permetteranno ai Consulenti del Lavoro di aggiungere anche la consulenza previdenziale tra le loro competenze. Ne abbiamo parlato con il presidente dell’Enpacl, Alessandro Visparelli.

Domanda. Presidente, cosa c’è dietro il nome di questo progetto, UniversoPrevidenza?
Risposta. La consapevolezza che molti cittadini in Italia hanno la necessità di comprendere meglio le regole del «gioco» della previdenza, affinché possano effettuare le scelte giuste per arrivare all’età desiderata con una pensione adeguata.

D. Pensate a un Consulente del Lavoro e della Previdenza?
R. Il nostro Consiglio nazionale dell’ordine, da anni, punta sulla continua crescita professionale degli iscritti, perché abbiano a disposizione la strumentazione intellettuale più ampia e idonea per affrontare un mondo del lavoro in continua evoluzione. Se è vero che non c’è previdenza senza lavoro, chi a monte si occupa di lavoro deve tenere conto, a valle, anche delle scelte previdenziali. Per farlo, occorre avere un profilo professionale che l’Enpacl intende favorire tra i consulenti del lavoro.
D. Come si articola il vostro progetto?
R. Il contesto di riferimento è rappresentato dal protocollo d’intesa che il Consiglio nazionale e l’Enpacl hanno stipulato l’anno scorso con Mefop, società partecipata dal Ministero dell’economia per la diffusione della previdenza in Italia. Il nostro Ente si è ispirato a tale protocollo e ha messo a disposizione delle risorse economiche, con le quali riusciremo a formare 500 colleghi, impegnati in corsi di formazione altamente qualificati. I Consulenti del Lavoro si vedranno fornire gratuitamente una piattaforma software innovativa, che consente consulenze previdenziali personalizzate, ivi comprese le scelte relative alla previdenza complementare, nonché analisi di fattibilità in materia di welfare aziendale.

D. La piattaforma potrà essere utilizzata da tutti i Consulenti del Lavoro?
R. Sì. Esaurita questa prima fase che riguarderà circa 500 colleghi, compresi coloro che già hanno dimestichezza con le consulenze previdenziali, favoriremo l’adesione al progetto di tutti gli iscritti che, con un costo irrisorio, avranno la possibilità di utilizzare dal portale web della Fondazione UniversoLavoro la piattaforma ed essere assistiti, on line e telefonicamente, da esperti del settore che li aiuteranno a svolgere pianificazioni pensionistiche, analisi dei bisogni in vecchiaia, calcolo delle prestazioni e quant’altro.
Fonte: