Ci vorrà del tempo per radicare una cultura antifrode ma il percorso è stato finalmente intrapreso

DIREZIONE ANTIFRODE

Intervista a Francesco Montesano Responsabile antifrode Zurich Italia

Autore: Mario Riccardo Oliviero
ASSINEWS 295 – marzo 2017

Per poter conoscere lo stato attuale e le prospettive future di un fenomeno sociale capace di intaccare il sistema economico nel suo complesso, non si può prescindere dall’impegno profuso dai responsabili antifrode delle compagnie assicurative, demandati, dalle attuali disposizioni di legge, a contrastare le frodi assicurative. A differenza di altri reati, infatti, l’art. 642 del codice penale prevede espressamente che le truffe assicurative possano essere perseguite solo a querela della persona offesa. Spetta, pertanto, a soggetti privati come le imprese di assicurazioni promuovere l’azione penale attraverso i rispettivi uffici antifrode.

Profilo dell’intervistato
Responsabile antifrode sinistri del Gruppo Zurich Italia, Francesco Montesano nasce a Milano nel 1971 e inizia a lavorare presso una primaria compagnia occupandosi, fin da subito, di liquidazione sinistri. All’interno della compagnia per cui lavora ha occupato vari ruoli nella direzione sinistri fino ad approdare al comparto antifrode che oggi dirige.

Dott. Montesano, attraverso quale percorso professionale arriva ad occuparsi di antifrode assicurativa?
Ho iniziato in un’altra compagnia come liquidatore sinistri. Successivamente sono passato in Zurich e negli anni ho dapprima occupato il ruolo di liquidatore sinistri multiramo, poi di liquidatore sinistri complessi nel comparto motor. In seguito ho avuto l’opportunità di lavorare nell’unità di Quality Assurance – Audit Claims e dal 2010 rivesto il ruolo di responsabile antifrode sinistri.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati