Cattolica: approvato il nuovo sistema di governance

Il Consiglio di Amministrazione di Cattolica Assicurazioni ha deliberato la convocazione dell’Assemblea Straordinaria e Ordinaria dei Soci per i giorni 27 e 28 aprile 2018, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Inoltre, “anche con l’intento di porre fine ai rumors connessi all’adozione di un nuovo modello di governance, il Consiglio di Amministrazione ha anticipato l’approvazione della Relazione sulla proposta di adozione di un nuovo Statuto sociale che sarà sottoposta all’Assemblea”, si legge in una nota.

Gli elementi più significativi del nuovo sistema di governance proposto sono:

– adozione modello monistico e riduzione del numero complessivo degli esponenti a 17 (attualmente 18 consiglieri e 5 sindaci effettivi), tenendo conto che le funzioni del nuovo CdA assorbiranno quelle proprie del collegio sindacale;

– abolizione del Comitato Esecutivo;

– soppressione del requisito di rappresentanza territoriale per i componenti il Consiglio di Amministrazione;

– conferma della soglia di partecipazione azionaria dei Soci persone fisiche (0,5%), e innalzamento di quella prevista per i Soci persone giuridiche (5%), peraltro estesa anche a enti collettivi e OICR (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio). Il superamento del limite non impedisce di detenere ulteriori azioni, senza perdere la qualifica di Socio. I diritti non patrimoniali restano esercitabili entro il limite delle soglie indicate;

– riconoscimento a favore dell’eventuale Lista di Capitale: 1 o 2 Amministratori sono tratti dalla lista che sia risultata prima per capitale – diversa dalla Lista di Maggioranza, risultata prima con voto capitario (una testa un voto), e anche da quella di Minoranza – avendo ottenuto voti corrispondenti al 10% o al 15% del capitale sociale, qualunque sia il numero di Soci che l’abbia votata.