Generali: utile in crescita del 21,6% a 2,03 mld ma sotto le attese

Chiusura in rosso per il titolo Generali dopo la pubblicazione dei conti: -1,66% a 13,65 euro.

Nel corso del 2015, la compagnia assicurativa ha riportato un utile netto in crescita del 21,6% a 2,03 miliardi di euro e un risultato operativo in aumento del 6,1% tendenziale a 4,785 miliardi, sospinto dalla performance del Ramo Vita.

Il Roe operativo si è attestato al 14%, in crescita rispetto al 13,2% dell’esercizio precedente e oltre il target di Piano, indicato genericamente oltre il 13%.

I premi complessivi sono saliti del 4,6% a 74,165 miliardi, con la raccolta Vita salita del 6,2% a 53,297 miliardi e il ramo Danni cresciuto dello 0,8% a 20,8 miliardi; il combined ratio migliora al 93,1%.

Il patrimonio netto è cresciuto dell’1,5% a 23,6 miliardi, il Solvency 1 è pari al 164% (156% in 2014) e l’Economic Solvency Ratio migliora al 202% (186%). Il net free cash flow è aumentato in fine del 30% a 1,6 miliardi (1,2 mld in 2014).

E’ prevista la distribuzione di un dividendo unitario di 0,72 euro, in crescita del 20% rispetto agli 0,6 euro/azione corrisposti per l’esercizio 2014.

I dati hanno deluso le aspettative degli analisti, in particolare per risultato operativo e  utile. Gli analisti giudicano comunque positivo per il titolo nel medio termine la conferma dei target del piano, della dividend policy e della solida posizione di
capitale.

Riguardo al piano strategiao il neo group ceo Philippe Donnet ha detto, durante la conferenza stampa: “Il piano è stato approvato dal cda nel maggio 2015 e sono stato nominato con Alberto Minali per implementarlo, anzi abbiamo già iniziato a farlo nei fatti perché siamo già a marzo”. “Ovviamente – ha aggiunto – nell’implementazione terremo sempre presenti le condizioni di business, cioe’ le condizioni del mercato assicurativo e quelle del mercato finanziario”.

“Una mia priorità sarà assicurare il mantenimento dell’eccellente slancio mentre andiamo avanti. Abbiamo una strategia solida e chiara che mira a far progredire il nostro business come ‘retail leader’, a renderlo più semplice e più agile nel servire i nostri clienti e più generoso nel remunerare i nostri azionisti”. Alberto Minali “avrà un ruolo chiave e sono particolarmente contento di averlo al mio fianco come pure di avere gli altri colleghi del Group Management Committee e dell’intero management team”, ha aggiunto Donnet.

“E’ con enorme orgoglio e grande senso di responsailità che oggi mi rivolgo a voi come Ceo. Le Generali sono un posto speciale per la nostra gente, il nostro retaggio e per quello che abbiamo raggiunto negli ultimi anni”, ha concluso il neo-ceo.