B.Generali: raccolta netta totale febbraio a 584 mln

La raccolta netta di Banca Generali a febbraio è quasi raddoppiata rispetto allo stesso mese dello scorso anno (584 milioni, +95%), migliorando ulteriormente dall’avvio d’anno di gennaio.

In due mesi, si legge in una nota, la raccolta totale ha superato 1,1 miliardi, con un rialzo del 58% rispetto al primo bimestre 2015. Il risultato di febbraio segna un nuovo primato mensile nella storia della banca che sta raccogliendo grande riscontro dalla clientela in cerca di interlocutori solidi e professionali per la tutela del risparmio. Le complessità dei mercati e i cambiamenti normativi relativi alla risoluzione delle crisi bancarie stanno accelerando la presa di coscienza delle differenze nei diversi ambiti operativi, privilegiando le realtà fortemente orientate alla qualità come Banca Generali.

La solidità patrimoniale, la prudente strategia operativa e la qualità degli attivi della banca rappresentano elementi distintivi che catalizzano l’attenzione non solo delle famiglie, ma anche dei professionisti di elevato standing. Da inizio anno sono infatti, già 28 i nuovi inserimenti di figure d’esperienza nella pianificazione patrimoniale. In termini di prodotti, l’incertezza sui mercati finanziari ha favorito le soluzioni gestite più difensive come quelle assicurative. Oltre alle polizze tradizionali (367 milioni nel mese, 489 milioni da

inizio anno), si segnala l’interesse per BG Stile Libero (129 milioni nel mese), che consente di acquisire un’esposizione flessibile e diversificata ai mercati finanziari combinata alla protezione delle gestioni separate.

Continua il flusso consistente di raccolta di risparmio amministrato (131 milioni nel mese, 548 milioni da inizio anno) in conseguenza all’ingresso cospicuo di nuova clientela e alla cautela da parte dei consulenti nelle scelte di pianificazione in un momento di eccezionale volatilità.

L’a.d., Piermario Motta, ha commentato: “Un altro mese straordinario non solo per il risultato complessivo, che segna una nuova vetta nel percorso della banca, ma soprattutto perché maturato in un momento di forti criticità sui mercati. La solidità della nostra realtà e la professionalità dei nostri consulenti rappresentano punti di riferimento importanti in un momento in cui la famiglie ricercano interlocutori di fiducia, vicini giorno dopo giorno, nelle sfide legate alla tutela dei patrimoni. Le salde radici nella competenza e nella capacità d’innovazione ci danno grande fiducia di poter continuare a crescere guadagnando quote di mercato nel mondo del risparmio e del private banking in Italia”.