Azione di ripetizione di indebito oggettivo ex art. 2033 c.c

Se la compagnia paga un importo superiore al massimale di polizza in ottemperanza a un comando giudiziale, poi riformato, non può richiedere la restituzione del denaro all’assicurato ma unicamente al danneggiato

All’assicuratore della responsabilità civile il quale, pur non avendo partecipato al relativo giudizio, abbia, per gli effetti di cui all’art. 1917 c.c. comma 2°, pagato direttamente al danneggiato la somma che l’assicurato è stato condannato a corrispondere a titolo di risarcimento con sentenza di primo grado immediatamente esecutiva, spetta, qualora detta sentenza sia riformata in appello con il rigetto della domanda risarcitoria, l’azione di ripetizione di indebito oggettivo ex art. 2033 c.c.; e ciò per la inesistenza di una legittima causa solvendi, senza che importi che il pagamento sia avvenuto spontaneamente.

L’assicuratore, infatti, può pagare l’indennità direttamente al danneggiato, purché ne dia preventivo avviso all’assicurato, al quale non è, tuttavia, dato di impedirlo, trattandosi di facoltà che deriva direttamente dalla legge; la facoltà si trasforma in obbligo quando sia l’assicurato a chiedere all’assicuratore di pagare al danneggiato.

In entrambi i casi è del tutto evidente che l’assicuratore può pretendere dal danneggiato la restituzione della somma pagata, ove risulti successivamente che essa non è dovuta, come nel caso in cui la somma sia pagata sulla base di sentenza che venga riformata con rigetto della domanda risarcitoria.

Diversamente, se l’assicuratore paghi direttamente al danneggiato senza darne preventivo avviso all’assicurato o senza esserne richiesto dallo stesso, l’assicuratore può utilmente esperire l’azione di ripetizione di indebito ex art. 2033 c.c., non nei confronti del danneggiato (verso il quale il pagamento è dipeso da una libera scelta dell’assicuratore), ma nei confronti dell’assicurato in quanto il pagamento viene effettuato per conto e in sostituzione di lui.

Per effetto della riforma della sentenza di condanna, infatti, è venuta meno la causa solvendi e il soggetto passivo dell’azione non può che essere l’accipiens, mentre il soggetto attivo non può che essere il solvens.

Ne deriva che l’assicuratore della responsabilità civile, il quale abbia pagato direttamente al danneggiato la somma che in base a sentenza di condanna avrebbe dovuto pagargli l’assicurato, può esercitare l’azione di indebito oggettivo ex art. 2033 c.c., nei confronti dell’accipiens, qualora la sentenza di condanna sia riformata nel senso della non debenza (anche parziale) della somma, di tal che il pagamento rimanga privo di causa.

Corretta, pertanto, la conclusione cui giunge la Corte di merito che – nel caso in esame di riforma della sentenza di condanna anche nei confronti dell’assicuratore – ha ritenuto che l’azione di indebito proposta dall’assicuratore, che aveva pagato al danneggiato somme non dovute, doveva essere esercitata nei confronti dello stesso danneggiato e non dell’assicurato.

Né il riferimento alla L. n. 990 del 1969, art. 18 coglie nel segno; la norma si riferisce, infatti, all’azione di rivalsa nei confronti dell’assicurato da parte dell’assicuratore che ha pagato il massimale di polizza al danneggiato; ma la fattispecie in questione è del tutto diversa.

Qui l’assicuratore ha pagato, in base a sentenza di condanna, un importo superiore al massimale di polizza, importo, quindi, non spettante, del quale il danneggiato è tenuto alla restituzione.

Cassazione civile sez. VI, 02/11/2015 n. 22316