La prescrizione del diritto dell’assicurato nella RCT

RCT

Il termine iniziale di decorrenza della prescrizione del diritto dell’assicurato è individuato nella data in cui per la prima volta, in forma giudizioale ovvero stragiudiziale, il danneggiato propone la sua richiesta

Autore: Samuele Marinello
ASSINEWS 251: marzo 2014

Oggetto dell’assicurazione per la responsabilità civile ai sensi dell’art. 1917 cod. civ. è il rischio come conseguenza negativa di un sinistro che si produca nel patrimonio del soggetto assicurato, vale a dire il rischio di essere obbligato a risarcire i danni cagionati al terzo; costui è, appunto, il danneggiato, che è anche “terzo”, rispetto all’assicurato e all’assicuratore, ed è comunque estraneo al contratto di assicurazione.
Nel sistema delineato dal codice civile, infatti, il danneggiato si giova soltanto indirettamente dell’assicurazione della responsabilità civile ex art. 1917 cod. civ.: questa non è un contratto a favore di terzo e il danneggiato non ha alcun diritto verso l’assicuratore né ha azione diretta nei suoi confronti.
Dal contratto nasce esclusivamente il diritto dell’assicurato verso l’assicuratore di ottenere da quest’ultimo di essere liberato (o tenuto indenne) dall’obbligazione risarcitoria nei confronti del danneggiato e di essere rilevato dall’azione da questi intentata contro di lui.
L’art. 2952 c.c., comma 3, letteralmente inteso, fa riferimento alla richiesta di risarcimento proveniente dal danneggiato e rivolta all’assicurato, quale responsabile civile per i danni che ne formano oggetto, non certo proveniente da qualunque terzo, diverso dai contraenti originari.
L’obbligo dell’assicuratore di tenere indenne l’assicurato di quanto dovrà risarcire al terzo diviene concreto e attuale soltanto quando il danneggiato, manifesta la sua intenzione di essere risarcito per il danno subito; soltanto da questo momento è minacciato il patrimonio dell’assicurato e da questo momento l’assicurato deve dare comunicazione all’assicuratore ai sensi e per gli effetti del terzo, nonché dell’art. 2952 cod. civ., comma 4.  CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati