Il Parlamento adotta Omnibus II, Solvency II al via dal 2016

Il Parlamento europeo ha adottato martedì  scorso la direttiva Omnibus II, che  completa la direttiva Solvency II e dà alla Commissione europea il potere di mettere a punto i dettagli di Solvency II . Le nuove norme danno poteri rafforzati all’Eiopa, l’Authority europea, e definiscono i livelli delle riserve che le compagnie devono avere per coprire i rischi a lungo termine.

L’adozione formale da parte del Parlamento dell’accordo politico che è stato raggiunto lo scorso novembre è un altro passo importante verso l’introduzione di Solvency II e assicura l’avvio del regime normativo, a lungo ritardato, a inizio del 2016.

Secondo Fitch Ratings ci sono ancora diversi elementi da finalizzare, che potrebbero avere un impatto significativo sui livelli patrimoniali.

Per esempio i dettagli sulla determinazione del tasso di sconto per calcolare le riserve degli assicuratori e i requisiti patrimoniali, e la scelta delle ipotesi economiche e demografiche fatte dagli assicuratori che utilizzano un modello interno per Solvency II – che sarà soggetta ad approvazione normativa .

Fitch ritiene comunque che gli assicuratori abbiano riserve di capitale sufficienti per assorbire i potenziali effetti di questa incertezza residua e quindi non ritiene che Solvency possa causare modifiche ai rating nei prossimi anni.

Sergio Balbinot, presidente di Insurance Europe, ha messo in guardia sul fatto che i dettagli della nuova regolamentazione di Solvency II debbano essere redatti correttamente al fine di garantire che la legislazione funzioni come previsto e non abbia conseguenze negative per il settore assicurativo ei suoi clienti.

Tuttavia , gli atti attualmente in fase di elaborazione per mettere a punto i dettagli della direttiva Solvency si allontanano, secondo Insurance Europe, dall’intenzione originaria dei legislatori in diversi aspetti , come le garanzie a lungo termine e l’equivalenza dei paesi terzi.

“Se non saranno corretti, gli atti delegati limiterebbero seriamente la capacità degli assicuratori a fornire a lungo termine gli  investimenti e la stabilità di cui le economie europee hanno bisogno . Potrebbero avere un forte impatto sulla disponibilità e sul prezzo dei prodotti assicurativi e minaccerebbero la capacità degli assicuratori europei a competere a livello internazionale”, ha detto Balbinot.

“In settori importanti , le formulazioni e le tarature non avrebbe funzionato come previsto. Il settore assicurativo ritiene che esistano soluzioni praticabili, senza ritardare il calendario per l’avvio di Solvency II. Nell’interesse delle economie europee, dobbiamo ottenere una Solvency II giusta”, conclude Balbinot.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2011:0008:FIN:IT:PDF