La mancanza dell’autentica notarile della firma dell’agente di una polizza provvisoria non può più essere causa di esclusione

Cauzioni

Autore: Sonia Lazzini
ASSINEWS 240: marzo 2013

Il Tar Campania, Napoli – sentenza numero 212 del 9 gennaio 2013 – dichiara nulla la clausola di un bando che preveda, quale causa di esclusione dalla gara, la mancanza dell’autentica in forma notarile della sottoscrizione da parte dell’agente della polizza fideiussoria di cui all’art. 75, comma 1 del codice dei contratti

Cauzione provvisoria: non è legittima la clausola della gara che preveda, a pena di esclusione, la richiesta dell’autentica notarile dell’agente di assicurazioni della polizza provvisoria la stazione appaltante deve prevedere, in caso di mancanza, l’eventuale integrazione ex post (applicazione art. 46 del codice dei contratti, commi 1 e i 1 bis PRINCIPIO DELLA TASSATIVITÀ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE IN VIGORE DAL 14 MAGGIO 2011) CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati