Record di raccolta premi per Munich Re nel 2021

Munich Re riporta una raccolta premi più alta di sempre, mentre l’utile del 2021 supera l’obiettivo

La tedesca Munich Re ha riportato un utile di oltre 2,9 miliardi di euro per l’esercizio 2021, mentre i premi lordi contabilizzati hanno raggiunto un livello record nel periodo, portando il riassicuratore a prevedere un utile di gruppo di 3,3 miliardi di euro nel 2022.

Nel 2021, l’utile della compagnia ha superato l’obiettivo di 2,8 miliardi di euro ed è anche risultato superiore al totale di 1,2 miliardi di euro del 2020. Nel quarto trimestre 2021, il gruppo tedesco ha prodotto un utile di 871 milioni di euro, rispetto ai 212 milioni di euro del periodo precedente.

Su base annua, la raccolta premi è aumentata dell’8,5% nel 2021 a oltre 59,5 miliardi di euro, che secondo la compagnia è la cifra più alta della sua storia.

Munich Re

I risultati di Munich Re nel 2021 mostrano una migliore performance in tutto il gruppo

Nell’ambito della riassicurazione, l’attività property and casualty (P&C) ha contribuito per oltre 2 miliardi di euro al risultato del 2021, rispetto ai 571 milioni di euro del 2020. Il volume dei premi è cresciuto significativamente in questa parte del business, di oltre 4 miliardi di euro a 28,9 miliardi di euro.

Nel corso dell’anno, i grandi sinistri (oltre 10 milioni di euro ciascuno) sono costati 4,3 miliardi di euro, e hanno totalizzato poco più di 1 miliardo di euro nel quarto trimestre del 2021.

Inoltre, le grandi perdite causate dall’uomo ammontano a 1,2 miliardi di euro contro i 3,8 miliardi del 2020. La compagnia attribuisce questo calo a perdite significativamente più basse legate a COVID-19 nel settore P&C, che sono scese a 212 milioni di euro nel 2021.

Tuttavia, la spesa per grandi perdite da catastrofi naturali è aumentata notevolmente, a 3,1 miliardi di euro, rispetto ai 906 milioni di euro del 2020. Il disastro naturale più costoso per il riassicuratore nel 2021 è stato l’uragano Ida con un costo di circa 1,2 miliardi di euro. Munich Re aggiunge che le inondazioni causate dalla tempesta Bernd hanno provocato perdite per circa 500 milioni di euro. L’azienda ha anche rilasciato riserve per le perdite di base degli anni precedenti per poco più di 1 miliardo di euro nel 2021.

Complessivamente, il combined ratio della riassicurazione P&C ammonta al 99,6% nel 2021, rispetto al 105,6% del 2020, che è effettivamente migliore dell’obiettivo aggiornato del 100% annunciato nel terzo trimestre.

Nella sua attività di riassicurazione Vita e Salute (L&H), l’utile è aumentato da 123 milioni di euro nel 2020 a 325 milioni di euro nel 2021, mentre la raccolta premi è scesa a 12,6 miliardi di euro e il risultato tecnico è migliorato anno dopo anno da 97 milioni di euro a 218 milioni di euro.

L’operazione L&H di Munich Re ha continuato a sentire gli impatti di COVID-19 nel 2021, con sinistri per 785 milioni di euro. Per il 2022, il riassicuratore prevede perdite COVID-19 per circa 300 milioni di euro nella riassicurazione L&H, ma non prevede spese significative per sinistri pandemici in ERGO o nella riassicurazione P&C.

In tutte le sue operazioni di riassicurazione, Munich Re ha riportato un risultato operativo di 2,7 miliardi di euro nel 2021 rispetto ai 984 milioni di euro del 2020. Il GWP del segmento è aumentato da 37,3 miliardi di euro a 41,4 miliardi di euro, con un notevole aumento dalla sua strategia di crescita in quello che è un ambiente di mercato migliorato.

“L’anno 2021 è stato buono per Munich Re. Abbiamo battuto il nostro obiettivo di profitto, rendendo anche il nostro bilancio ancora più forte nonostante l’alta inflazione. Sia un dividendo aumentato che un nuovo riacquisto di azioni consentiranno ai nostri azionisti di condividere questo successo. Il nostro programma strategico Ambition 2025 è partito molto bene e sta prendendo velocità. Spinti da questo slancio, sfrutteremo risolutamente il contesto di mercato favorevole per aumentare il nostro utile a 3,3 miliardi di euro nel 2022“, ha dichiarato Joachim Wenning, presidente del consiglio di amministrazione.

Il gigante tedesco della riassicurazione ha infatti annunciato piani di riacquisto di azioni per un valore massimo di 1 miliardo di euro tra il completamento della sua assemblea generale annuale del 2022 e del 2023. Sulla base del prezzo delle azioni del 21 febbraio, il riacquisto di 1 miliardo di euro ammonterebbe a circa il 2,8% del capitale sociale e corrisponderebbe a 3,9 milioni di azioni proprie.

Allo stesso tempo, la società ha rivelato un aumento del dividendo per l’esercizio 2021 di 1,20 euro a 11 euro per azione, soggetto all’approvazione del consiglio di sorveglianza e alla prossima assemblea generale.

In occasione degli importanti rinnovi riassicurativi del 1° gennaio 2022, Munich Re ha aumentato il volume d’affari del 14,5% a 14,8 miliardi di euro. Durante i rinnovi, è stata rinnovata circa la metà degli affari P&C, con particolare attenzione all’Europa, agli Stati Uniti e agli affari globali.

Il riassicuratore osserva che, nel complesso, i prezzi, i termini e le condizioni sono migliorati all’1/1. Anche se i prezzi sono variati, hanno mostrato una tendenza al rialzo a livello globale, con Munich Re che ha segnalato un aumento dei prezzi per il suo portafoglio dello 0,7%.

“Nonostante la crescente pressione del mercato, Munich Re si aspetta che l’ambiente di mercato rimanga positivo e che presenti interessanti opportunità di crescita nei prossimi cicli di rinnovo di aprile e luglio”, afferma la compagnia.

Passando a Ergo, la controllata assicurativa, l’utile ha raggiunto 605 milioni di euro nel 2021 rispetto ai 517 milioni di euro del 2020. Munich Re riferisce che questa parte del business è riuscita a crescere sostanzialmente nel 2021, con una raccolta premi in crescita in tutti e tre i segmenti.

Sul lato asset del bilancio, Munich Re ha riferito che il risultato degli investimenti è diminuito da 7,4 miliardi di euro nel 2020 a 7,2 miliardi di euro nel 2021.

Le previsioni di Munich Re per l’anno in corso

Guardando al futuro, Munich Re mira a produrre un profitto di 3,3 miliardi di euro nel 2022, che tiene conto delle perdite COVID-19 di circa 300 milioni di euro nella riassicurazione L&H. L’azienda si aspetta che la raccolta premi di gruppo raggiunga quest’anno un nuovo record di 61 miliardi di euro.

Nella riassicurazione prevede una raccolta premi di 42,5 miliardi di euro e un utile di circa 2,7 miliardi di euro per il 2022, mentre il combined ratio P&C dovrebbe rafforzarsi ulteriormente al 94%. Nella riassicurazione L&H, Munich Re prevede un risultato tecnico di circa 400 milioni di euro. Inoltre, Munich Re prevede che la sua attività Ergo contribuirà al risultato consolidato per circa 600 milioni di euro nel 2022.