Rinnovi: i riassicuratori stanno spingendo i tassi al rialzo

Già alcuni mesi fa, i broker avevano lanciato l’allarme, indicando adeguamenti significativi dei tassi su tutte le linee di danni alla proprietà e di responsabilità. Dopo anni di cicli ribassisti, i riassicuratori, di fronte a un aumento catastrofico dei sinistri e allo slittamento della crisi Covid-19, non hanno altra scelta che aumentare i prezzi e inasprire le condizioni di sottoscrizione per tornare alla redditività tecnica. Ciò è confermato dalle cifre pubblicate da SCOR e Hannover Re dopo i rinnovi del gennaio 2021.

SCOR è soddisfatta “degli aumenti dei tassi e del miglioramento delle condizioni per tutte le linee d’affari e tutte le regioni geografiche”. Beneficiando pienamente di queste condizioni di mercato più favorevoli, il quarto riassicuratore mondiale ha registrato una crescita del 15,9% a tassi di cambio costanti dei suoi premi di riassicurazione al momento di questi rinnovi, a 3,445 miliardi di euro. Il riassicuratore, che è lieto “di essere riuscito a ottenere condizioni preferenziali con molti clienti chiave”, ha registrato un aumento medio dei tassi del 7,8% sui trattati rinnovati a gennaio.

Al fine di migliorare la sua redditività di sottoscrizione – che “si rifletterà nei risultati finanziari dei prossimi trimestri” – SCOR, come i suoi pari, ha anche imposto delle clausole di esclusione delle malattie contagiose “ogni volta che sia ritenuto necessario” “per i rami a breve sviluppo e per alcuni rami a lungo sviluppo”. Dalla pandemia di Covid-19, i riassicuratori hanno spinto le loro cedenti a chiarire i termini dei loro contratti. Puntando sulle zone grigie e ansiosi di conoscere la loro esposizione, hanno imposto delle esclusioni nei loro trattati di riassicurazione property e casualty dal maggio scorso.

SCOR beneficia soprattutto della sua attività di assicurazione primaria “specialty”, favorita dall’inaprimento dei grandi rischi industriali e commerciali, dove ha registrato un aumento tariffario del 23% rispetto all’anno 2020. La sua piattaforma di sottoscrizione globale le permette di cogliere buone opportunità di mercato, mentre il recupero dei tassi iniziato nel 2018, soprattutto negli Stati Uniti su questo grande mercato del rischio, è stato confermato quest’anno su tutte le linee e in tutte le zone geografiche.

Anche Hannover Re conferma che i suoi prezzi si sono ripresi. Il terzo riassicuratore mondiale ha così registrato sul suo portafoglio rinnovato a gennaio un aumento medio dei tassi del 5,5%. In dettaglio, i prezzi sono aumentati del 4,4% per i trattati di riassicurazione proporzionale, in linea con la tendenza dei prezzi degli assicuratori primari, e dell’8,8% per la riassicurazione non proporzionale. Un adeguamento dei prezzi che Hannover Re giustifica con i bassi tassi di interesse e l’incertezza dovuta all’evoluzione della pandemia Covid-19. “Abbiamo ottenuto ulteriori miglioramenti nei prezzi e nelle condizioni in vari gradi su tutte le linee e regioni. Soprattutto in tempi di crisi, i riassicuratori ben capitalizzati come noi sono molto ricercati”, dice Jean-Jacques Henchoz, direttore generale.

Sia Hannover Re che SCOR si aspettano che il mercato continui a stringere durante i prossimi rinnovi di aprile e giugno/luglio 2021. “I significativi aumenti dei prezzi che stiamo vedendo in molte linee primarie sosterranno gradualmente anche i prezzi della riassicurazione. Ne beneficeremo direttamente attraverso una copertura proporzionale”, dice Jean-Jacques Henchoz.

riassicuratori