RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 23/02/2021

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Consulentia è pronta a riaprire i battenti questa mattina, mettendo al centro il tema della finanza sostenibile. La pandemia non ha frenato l’iniziativa lanciata dall’Anasf, che già nel dicembre scorso ha dimostrato di avere successo anche in forma digitale e anzi, questo nuovo evento, che si terrà sempre via web, promette di registrare adesioni ancora più ampie. Se nel dicembre scorso le partecipazioni erano state circa un migliaio a tre giorni dalla chiusura delle iscrizioni, per l’appuntamento di oggi le registrazioni sono oltre 1.500. «La dimostrazione che la pandemia ha comportato un distanziamento fisico ma non sociale», commenta il presidente di Anasf, Luigi Conte, «e che si può comunicare in maniera virtuale e aumentare addirittura la capacità di ascolto».
  • Azimut completa l’acquisto di Sanctuary
Azimut ha completato l’acquisizione del 55% di Sanctuary Wealth group, tra le principali società americane indipendenti di gestione del risparmio, che offre ai consulenti finanziari la possibilità di costruire e gestire il business con il supporto di una piattaforma avanzata. L’operazione è strategica per Azimut, che avrà negli Usa una piattaforma integrata con eccellenze locali sia nel segmento private market sia in quelli di distribuzione e wealth management, con masse di 10 miliardi di dollari. Sanctuary si è affermata come piattaforma leader per la nuova generazione di consulenti e wealth manager che stanno lasciando banche tradizionali e broker per mettere in piedi proprie attività.

Il Servizio sanitario nazionale ha di fronte a sé una grande sfida: coniugare la scarsità delle risorse disponibili con la crescente domanda di assistenza sanitaria dovuta a diversi fattori, tra cui una popolazione sempre più longeva. Di fatto, non può garantire una copertura illimitata e, quindi, neppure gestire adeguatamente il flusso di persone che a esso si rivolgono. Il costo è ormai insostenibile. Lo dimostra il IX rapporto Rbm-Censis salute che rileva come ogni regione spenda circa l’80% del proprio bilancio in spese sanitarie. Senza sminuire il Ssn, che rimane risorsa importantissima per il paese, va preso atto dei suoi limiti. Oggi, necessita di essere supportato da un sistema di finanziamento aggiuntivo. Parliamo del secondo pilastro della tutela della salute che offre copertura finanziaria a prestazioni aggiuntive rispetto a quelle assicurate dalla sanità di base.

corsera

  • «Città, deserti commerciali. Dal 2012 al 2020 sono spariti 77mila negozi»
«In 8 anni, dal 2012 al 2020, sono spariti 77mila negozi dalle città italiane che rischiano di trasformarsi in deserti», E il 2021 segnerà un nuovo tracollo per le imprese di alloggio e ristorazione: quasi una su 4 rischia di non riaprire più. Il grido di allarme di Confcommercio arriva dopo uno studio dell’associazione su «Demografia d’impresa nelle città italiane» che analizza come attività di commercio al dettaglio e imprese ambulanti stiano sparendo dalle nostre città, cambiandone per sempre il volto. Con rischi anche per il turismo. Sottolinea lo studio che «il rischio di non riavere i nostri centri storici come li abbiamo visti e vissuti prima della pandemia è molto concreto e questo significa minore qualità della vita dei residenti e minore appeal turistico». Infatti, se tengono i negozi di base come alimentari e quelli con nuove funzioni, come le tabaccherie, altri settori come abbigliamento, libri, giocattoli e pompe di benzina chiudono o si spostano in periferia. «Le imprese più colpite vanno sostenute — dice il presidente Carlo Sangalli — , va introdotta una web tax e serve un piano di rigenerazione urbana».

Repubblica_logo

  • Un nuovo incidente mette nei guai Boeing Restano a terra 128 aerei
Boeing è di nuovo sotto i riflettori dopo lo scoppio avvenuto sabato di un motore Pratt & Whitney che si è sbriciolato sui cieli di Denver, per fortuna senza causare vittime. L’ennesimo evento che ha riportato l’attenzione sul marchio americano, segue le catastrofi del 737 Max, i guai del 787 e i ritardi del progetto 777X che ancora non vede la luce. Secondo quanto descritto dal National Transportation Safety Board statunitense, poco dopo il decollo ad un altezza inferiore ai 10 mila piedi (circa 3 mila metri) uno dei due motori di un 777-200 della United Airlines diretto a Honolulu è esploso e alcune parti della turbina sono piombate su un sobborgo di Denver. Nel giro di poche ore la Federal Aviation e tutte le principali autorità aeree civili hanno messo al bando i voli dei 777-200 dotati di motori Pratt & Whitney 4000-112, un progetto nato 30 anni fa. Nel mondo circolano ancora circa 128 aerei 777 “200”.

  • Il welfare aziendale aumenta la resilienza durante la pandemia

Handelsblatt

 

  • “Leader digitale entro il 2025”: ecco come Ergo sfida il leader di mercato Allianz
“Non possiamo permetterci di riposare sugli allori”, ha annunciato il CEO di Ergo Versicherung Markus Rieß a novembre, quando ha dichiarato conclusa la ristrutturazione della società, durata diversi anni. Per anni, l’ex manager di Allianz aveva tagliato i costi e ottimizzato i processi. Ma ora il top manager vuole attaccare di nuovo con il terzo più grande assicuratore primario per raccolta premi di Düsseldorf – e sta anche mettendo gli occhi sul suo ex datore di lavoro. “Ergo vuole essere il leader digitale nel settore assicurativo entro il 2025, sia in Germania che nei nostri mercati principali internazionali”, ha annunciato il responsabile digitale Mark Klein in un’intervista con Handelsblatt. “Questo include anche diventare noi stessi un fornitore di tecnologie innovative a medio termine”.  Ha detto che Ergo stava già costruendo nuove applicazioni come l’intelligenza artificiale, la voce e la robotica cloud piuttosto che in sistemi IT compartimentati. “Ergo si sta trasformando sempre più da un classico assicuratore in una tech company”.