Open Solution un mix equilibrato

Il prodotto bilanciato di Bim Vita guarda ai megatrend e agli asset sostenibili per i fondi interni

di Fausto Tenini e Alessandro Lazzari * (Assinews)

BIM Open Solution è un’assicurazione sulla vita per il caso di morte a vita intera a premio unico e premi integrativi, collegata ad una gestione separata ed a fondi interni. Si tratta quindi di un mix in termini finanziari dove ad una componente è delegata la ricerca di performance interessanti affiancata da una percentuale di asset sicuro. La gestione separata utilizzata è BIM Vita, mentre le componente a maggior volatilità sono rappresentate dai fondi BIM Vita Linea Azionaria Trend di Lungo Periodo, BIM Vita Linea Flessibile Smart Allocator, BIM Vita Linea Megatrend e BIM Vita Linea Sostenibilità. Le opzioni di investimento sono rese disponibili secondo cinque combinazioni allocative predefinite, dove la gestione separata può oscillare tra il minimo del 50% e il massimo del 90%. L’importo investito relativo a ciascun eventuale premio integrativo corrisposto viene allocato tra gestione separata e fondi secondo la medesima allocazione iniziale. Il rendimento del capitale collegato alla gestione separata dipende dalla misura annua di adeguamento ad esso applicata, e può avere valore positivo o negativo al netto della commissione trattenuta. Non è previsto alcun consolidamento periodico dei rendimenti né garanzia di rendimento minimo. Ma alla data coincidente con i rispettivi giorni di riferimento relativi al decesso dell’assicurato oppure in caso di riscatto totale, il capitale assicurato rivalutato sarà pari al maggior valore tra il capitale assicurato adeguato e la prestazione minima garantita data dall’importo investito in gestione separata (tasso annuo minimo garantito pari allo 0,0%). La soluzione in esame si basa sulla combinazione d’investimento BIM Vita Allocazione target 50% in Gestione Separata e 50% fondo BIM Vita Linea Megatrend. In caso di decesso dell’assicurato, in qualunque momento esso si verifichi, la società pagherà ai beneficiari il capitale collegato alla gestione separata e il capitale collegato al fondo interno, con in aggiunta una maggiorazione per il caso di morte. Ottenuta applicando al controvalore delle quote dei fondi interni una percentuale in funzione dell’età assicurativa al momento del decesso: ad esempio 35% se tra i 18 e i 40 anni, 15% fino a 50 anni, 5% fino ai 60 anni, etc. L’ammontare di tale maggiorazione non potrà comunque superare 100 mila euro se l’età al decesso non è superiore a 75 anni, 15 mila euro superati i 75 anni. Il contratto prevede importi minimi di premio rispettivamente pari a 50.100 euro per il premio unico e 10 mila euro per ciascun premio integrativo. Passato un anno dalla data di decorrenza il contraente può richiedere la corresponsione totale o parziale del valore di riscatto. Tra le opzioni contrattuali si segnalano gli Switch tra fondi, senza costi. Per quanto compete il motore finanziario, il fondo interno che guarda ai mega-trend ha come obiettivo aumentare nel tempo il valore dei capitali investiti mediante una gestione flessibile. I megatrend sono quelle forze di lungo periodo, di cambiamento sociale, demografico, ambientale, tecnologico o altro, che tendono ad avere un impatto importante sul modello di crescita dell’economia e quindi sui mercati finanziari. Per la valutazione e la misurazione del rischio verrà utilizzato il VaR (valore a rischio) mensile con un intervallo di confidenza del 95%, con l’obiettivo di contenere tale valore entro la soglia dello 9%. Il periodo di detenzione raccomandato per questo fondo è pari a 8 anni, e su tale orizzonte vengono declinati gli scenari di performance evidenziati nel Kid, già al netto di tutti i costi. Stime molto disperse in quanto trattasi di scelte azionarie: +18% circa annuo nello scenario migliore, bilanciato da un -15% circa annuo per la situazione di stress estremo dei mercati. La gestione separata evidenzia invece valori annui netti compresi tra l’1,41% e l’1,61% a seconda delle situazioni, con 4 anni di orizzonte temporale. (riproduzione riservata)

Clicca qui per la scheda completa