Distribuzione dei dividendi: l’Authority francese invita alla “cautela”

Ad un anno di crisi Covid-19, l’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution (ACPR, l’Authority di vigilanza francece) non ha cambiato rotta. Come aveva già fatto in aprile e poi a luglio 2020, ha ribadito la sua posizione sulla distribuzione dei dividendi il 18 febbraio. “L’ACPR chiede agli istituti sotto la sua supervisione di mostrare particolare prudenza in termini di distribuzioni di dividendi fino al 30 settembre 2021, data in cui le raccomandazioni europee (…) dovrebbero terminare”, ha detto l’autorità, che supervisiona i settori bancario e assicurativo.

dividendi

A sostegno delle sue osservazioni, l’ACPR ricorda che il 15 e il 18 dicembre, il Comitato europeo per il rischio sistemico (ESRB), l’Autorità bancaria europea (EBA), l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA) e la Banca centrale europea (BCE) hanno riformulato le raccomandazioni che avevano già presentato all’inizio dell’anno in merito alle distribuzioni sotto forma di dividendi, riacquisti di azioni o nuove compensazioni variabili. “Hanno sottolineato che il contesto sanitario e macroeconomico rimane molto incerto e quindi hanno invitato le istituzioni finanziarie a rimanere particolarmente prudenti e ad adottare (…) politiche di distribuzione moderate e coerenti con la loro traiettoria patrimoniale a medio termine, in modo da continuare a preservare la loro capacità di sostenere pienamente l’economia reale durante la crisi”, ha detto l’ACPR.