UnipolSai Risparmio Energy un Pac aggressivo

Il prodotto permette di dilazionare nel tempo l’investimento in fondi ad alta volatilità, offrendo diverse opzioni contrattuali

di Fausto Tenini e Alessandro Lazzari * (Assinews)

UnipolSai Risparmio Energy è un’assicurazione unit linked a vita intera e a premi unici ricorrenti con facoltà di versamenti aggiuntivi, in breve un Pac sui mercati finanziari con la veste assicurativa. L’obiettivo del prodotto è incrementare il capitale, pari ai premi versati al netto dei costi, attraverso l’investimento distribuito nel tempo in fondi interni della società. Un elemento di flessibilità è legato alla possibilità di investire sia in un singolo fondo che in una combinazione libera di fondi interni. Tra i fondi disponibili si segnalano i prodotti a benchmark, ovvero il Fondo Comparto 2 Bilanciato e il Fondo Comparto 3 Azionario Globale, mentre tra i fondi flessibili, con obiettivi massimi di volatilità (o meglio di VaR),spiccano Fondo Valore Prudente UnipolSai, Equilibrato UnipolSai, Dinamico UnipolSai e MegaTrend UnipolSai. La soluzione qui in esame prevede una equiripartizione del capitale investito tra il Fondo Comparto 2 Bilanciato e il Fondo Comparto 3 Azionario Globale. E’ possibile effettuare switch, totale o parziale, tra fondi che comportano il disinvestimento totale o parziale delle quote di uno o più fondi ed il contemporaneo reinvestimento dell’importo ricavato in quote di altri fondi, secondo la ripartizione desiderata. La durata del piano di pagamenti dei premi, con frequenza annuale, semestrale o mensile, può variare da un minimo di 10 anni fino ad un massimo di 30 anni. Mentre il premio minimo annuo è pari a 1200 euro, con massimo annuo di 6 mila euro. Il contraente può effettuare in ogni momento, anche in caso di interruzione del pagamento dei premi ricorrenti, il versamento di premi aggiuntivi. L’importo di ogni premio aggiuntivo non può essere inferiore a 500 euro né superiore a 10 mila euro e la somma dei premi aggiuntivi versati in ogni anno non può superare i 20 mila euro. Non essendoci alcuna componente di gestione separata non è prevista alcuna garanzia sul capitale, ne rendimento minimo. La prestazione in caso di vita dell’assicurato prevede il pagamento ai beneficiari del capitale assicurato, legato dal valore delle quote dei fondi. La prestazione in caso di decesso dell’assicurato prevede lo stesso capitale assicurato sopra maggiorato di un Bonus, ottenuto moltiplicando il capitale assicurato per una percentuale determinata in funzione dell’età dell’assicurato alla data del decesso (ad esempio sotto i 39 anni pari al 15%) e della causa del decesso stesso. Sono previsti così Bonus standard, Bonus ridotti con raddoppio in caso di morte da infortunio, Bonus ridotti con triplicazione se l’infortunio è dovuto a incidente stradale. L’importo del Bonus non può comunque superare 150 mila euro. Tra le opzioni contrattuali spicca il Decumulo, riscatti parziali programmati, attivabile dopo cinque anni dalla decorrenza del contratto e che si interrompe in qualsiasi momento su richiesta del contraente. Il Decumulo può essere attivato stabilendo il numero di riscatti programmati o stabilendo l’importo fisso che deve essere disinvestito, con limiti stabiliti contrattualmente. Per quanto riguarda il motore finanziario, il fondo Comparto 2 Bilanciato evidenzia un benchmark composto al 45% da Msci World (azionario mondiale), 45% JPM Emu All Maturity (obbligazionario in euro), 10% BOT (monetario italiano). Mentre il fondo Comparto 3 Azionario Globale ha un profilo di rischio più elevato, essendo il benchmark rappresentato al 75% da azionario globale ed europeo, con le quote residue di bond. Ed infatti il Kid, al netto dei costi, stima un guadagno medio annuo per il primo fondo pari al 6,41% nello scenario di mercato migliore, che si tramuta in una perdita media annua del 6,05% in caso di forte stress dei mercati; mentre il fondo con prevalenza azionaria vede estendere tali valori rispettivamente a 6,89% e -8,92%. I costi sono stimati al 3,92% annuo, supponendo il mantenimento dei versamenti sino al sesto anno dalla sottoscrizione. (riproduzione riservata)

Clicca qui per la scheda completa