Opzione donna, ecco come andare in pensione

di Daniele Cirioli

Conto alla rovescia sul prepensionamento nella scuola con «opzione donna». Le lavoratrici in possesso, al 31 dicembre 2019, di almeno 35 anni di contributi ed età non inferiore a 58 anni hanno tempo fino a fine settimana per riflettere se incrociare le braccia dal 1° settembre 2020 e intascare la pensione calcolata «tutta» con la regola contributiva. A ricordarlo è il Miur con la nota prot. n. 2664/2020, spiegando che le funzioni online Polis per l’invio delle domande per la cessazione dal servizio resteranno attive fino alle ore 23:59 del 29 febbraio.La possibilità di avvalersi per un anno ancora del prepensionamento opzione donna è stata introdotta dalla legge Bilancio 2020. Ne hanno diritto le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2019, un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e un’età non inferiore a 58 anni. Avvalendosi di «opzione donna», le lavoratrici possono mettersi a riposo prima in cambio, però, di ricevere la pensione calcolata tutta con il sistema contributivo. È su questa base, quindi, che va fatta una valutazione di convenienza di anticipo o meno del pensionamento. Per le lavoratrici dei comparti scuola e Afam la prima decorrenza utile della pensione è fissata, rispettivamente, dal 1° settembre 2020 e dal 1° novembre 2020 una volta maturati i requisiti (in luogo dell’applicazione delle c.d. finestre che, agli altri lavoratori, proroga la liquidazione della pensione a distanza di 12/18 mesi dalla maturazione dei requisiti). Al 29 febbraio 2020 è fissato il termine per la presentazione delle relative domande di cessazione dal servizio. A tal fine, il Miur ha aperto il canale telematico Polis il 7 febbraio e resterà operativo fino alle ore 23:59 del 29 febbraio. La domanda di cessazione dal servizio non è la domanda di pensione, cosa che va fatta invece all’Inps secondo le consuete modalità (messaggio n. 243/2020). Attenzione, quindi, a presentare entrambe le domande per evitare il rischio di trovarsi senza lavoro e senza pensione.
© Riproduzione riservata

Fonte: