Dalla sharing economy nuove opportunità per gli assicuratori

La crescita della sharing economy, un sistema in cui i beni o i servizi sono condivisi tra privati, è stata implacabile e ha scosso il modo in cui il settore assicurativo ha tradizionalmente inteso le responsabilità.
L’economia della condivisione ha messo sotto pressione gli assicuratori per innovare e adattare rapidamente i loro prodotti. Ma esistono ancora lacune nelle coperture, mentre la sharing economy continua a crescere fortemente, secondo il rapporto di GlobalData, ‘Sharing Economy in Insurance – Thematic Research’.
La sharing economy è particolarmente decollata nei modelli di condivisione domestica e di mobilità condivisa – anche se è presente in numerose altre categorie. Ha portato a un’ondata di prodotti assicurativi flessibili e innovativi e ha costretto gli assicuratori ad adottare nuovi metodi di consegna per fornire le transazioni veloci che i clienti di oggi richiedono.
Beatriz Benito, Senior Insurance Analyst di GlobalData, ha dichiarato: “Aziende come Airbnb e Uber hanno ampiamente rivoluzionato il settore dell’ospitalità e dei trasporti, ma la loro rapida crescita ha posto delle sfide alle assicurazioni. In genere, il settore ha fatto una distinzione tra prodotti persone e aziende, ma l’economia della condivisione offusca le linee. Le piattaforme di mercato stanno permettendo ai consumatori di condividere i loro beni o servizi per attività commerciali”.
Il settore assicurativo globale ha raggiunto 6,2 trilioni di dollari di premi nel 2018, ma gli assicuratori che non si adattano ai modelli emergenti nell’economia della condivisione rischiano di perdere quote di mercato. Alcune compagnie di assicurazione hanno iniziato ad adattare i loro prodotti per meglio soddisfare le esigenze dei clienti che partecipano all’economia della condivisione. Compagnie come AXA, Allstate e Zurich sono tra quelle che hanno sviluppato prodotti per la sharing economy. Allo stesso tempo, anche le startup del settore assicurativo come Metromile o Pikl hanno svolto il loro ruolo nel ridurre il divario nella copertura assicurativa.
Le partnership tra assicuratori, insurtech e/o piattaforme di mercato consentono di avviare la copertura assicurativa quando i clienti entrano in attività di sharing economy, riducendo al minimo eventuali ritardi o attriti.
Benito ha continuato: “Alcuni assicuratori hanno risposto creando soluzioni aggiuntive per integrare le polizze esistenti. Ad esempio, diversi assicuratori offrono ora delle estensioni di ride-sharing che possono essere aggiunte alla polizza personale del conducente. In questo modo è possibile coprire un conducente che utilizza il proprio veicolo per attività commerciali in modo occasionale tramite Uber e Lyft, evitando i premi più elevati associati alle polizze aziende. Altri hanno sviluppato prodotti stand-alone, on-demand, che possono essere attivati e disattivati come richiesto da un’applicazione. Tuttavia, c’è ancora ambiguità sul livello di copertura, comprese le domande su quando inizia effettivamente la copertura. Mentre la legislazione sta portando un po’ di chiarezza in questo, c’è ancora un po’ di strada da fare. I consumatori sono spinti a continuare a utilizzare le piattaforme di condivisione dell’economia, incentivati da una maggiore accessibilità e da prezzi più interessanti. Ciò indica che ci saranno nuove opportunità per gli assicuratori in altri modelli emergenti, ad esempio la condivisione degli e-scooter come metodo di trasporto sta guadagnando terreno in diversi Paesi. Gli assicuratori dovranno sviluppare i loro prodotti, ma il rapido successo che l’economia della condivisione ha avuto finora dovrebbe continuare a incoraggiare il settore”, conclude.
sharing economy