Premio medio RCA in calo nel 2017

L’ANIA ha pubblicato i dati relativi all’andamento del premio medio per la copertura r.c. auto per i contratti che sono giunti a rinnovo nel mese di dicembre 2017.

La rilevazione ha riguardato la sola garanzia r.c. auto, escludendo le polizze flotta/assicurate con libro matricola e le polizze temporanee. I premi rilevati non includono le imposte e il contributo al Servizio Sanitario Nazionale.

A dicembre 2017 sono stati rilevati più di 2,6 milioni di contratti per un incasso premi pari
a oltre 1 miliardo di euro. Il 76,3% dei contratti ha riguardato il settore della autovetture, il 3,8% quello dei motocicli e l’1,2% quello dei ciclomotori.

Per il totale dei contratti, il premio medio delle polizze rinnovate prima delle tasse è diminuito, tra dicembre 2016 e dicembre 2017, da 389 a 382 euro; il calo è stato pari a 7 euro in valore assoluto e a -1,8% in valore percentuale.

Al fine di depurare l’effetto di stagionalità nel corso dell’anno (a causa del diverso mix di tipologia di veicoli che nei vari mesi arriva a scadenza) l’ANIA ha calcolato il valore del premio medio di tutto l’anno 2017, come media dei quattro mesi oggetto di rilevazione;
tale valore è stato confrontato con quello analogo degli anni precedenti.

È perciò presente nel 2017, anche se in misura inferiore rispetto agli anni precedenti, la flessione dei premi medi R.C. auto avviatasi già dalla fine del 2012. Per il totale dei veicoli il premio medio dell’anno ha registrato il seguente andamento:
• in valore assoluto si è passati dai 456 euro pagati in media nel 2012 a 356 euro nel 2017. In cinque anni il premio medio si è ridotto di 100 euro; le riduzioni (rispetto all’anno
precedente) sono state le seguenti: -19 nel 2013, -26 nel 2014, -25 nel 2015, -19 nel 2016 e -10 nel 2017;
• in termini percentuali il premio medio si è ridotto del 22% dal 2012 al 2017, con un tasso di riduzione che mostra tuttavia un rallentamento nell’ultimo anno: -4,2% nel 2013, -6,0%
nel 2014, -6,1% nel 2015, -4,9% nel 2016 e -2,8% nel 2017;
• se si confronta la rilevazione puntuale del mese di dicembre 2012 con quella del dicembre 2017, il premio medio è sceso di 114 euro in valore assoluto (da 496 euro a 382 euro) e del 23% in termini percentuali.

Al fine di stimare l’effetto complessivo sulla spesa degli assicurati, è stato tenuto conto che le imposte (15,6%) e il contributo al Servizio Sanitario Nazionale (10,5%) pesano nel 2017 mediamente per il 26,1% del premio prima delle tasse, sostanzialmente in linea con il
2016. Dal 2016 al 2017 il premio medio della copertura dopo le  tasse è sceso quindi da circa 462 a 449 euro. La diminuzione è stata pari a circa 13 euro a veicolo.

Il divario rispetto ai dati rilevati dall’ISTAT (la variazione tendenziale dell’indice ISTAT a 12 mesi relativo ai premi R.C. auto era positivo e pari a +1,2%, +1,4% nella media
dell’anno 2017)è per l’ANIA da attribuire principalmente alla forte concorrenza fra le imprese che implica sconti significativi al momento del rinnovo rispetto alle tariffe ufficiali (su cui si basano le rilevazioni ISTAT).