Piante in salute? Lo svela una app

Per tenere sotto controllo le coltivazioni arriva Pocket Farm. Si tratta di una app di Cattolica assicurazione, low cost, certificata scientificamente, che permette di sintetizzare sul telefonino risultati altrimenti ottenibili solo con strumentazioni molto più complicate e ingombranti.

L’app, realizzata dal dipartimento Scienze agrarie e sviluppata dal Cassandra Lab, entrambi dell’Università di Milano, consente di effettuare misurazioni sullo stato delle foglie (LeafAreaIndex – superficie fogliare) e sul contenuto di azoto della pianta, due delle variabili in grado di fornire informazioni sullo stato vegetativo della coltura (per adesso riso e mais). Attraverso la app, è possibile ricevere previsioni meteo a tre giorni sulla base della tipologia di coltura assicurata con informazioni su temperatura, pioggia e vento. PocketFarm genera automaticamente avvisi di allerta quando i parametri superano le soglie di danno specifiche per la coltura, soglie di danno impostate dall’Università di Milano per ciascuna coltura. Inoltre, il gruppo Cattolica Assicurazioni, in collaborazione con il Cnr-Irea (Consiglio nazionale delle ricerche – Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente) ha sviluppato un sistema web per l’utilizzo di immagini satellitari rielaborate, che rappresentano indici di salute delle piante usati dai periti per il monitoraggio delle colture erbacee e per l’individuazione dei campioni di terreno su cui effettuare la perizia. In particolare la web app satellitare permette la georeferenziazione degli appezzamenti, la mappatura catastale e la consultazione delle mappe elaborate prima e dopo l’evento atmosferico, per la verifica del danno.