Il danno patrimoniale nelle polizze di RC prodotti

RC PRODOTTI

Autore: Ugo Serena
ASSINEWS 294 – febbraio 2018

 

Le polizze di responsabilità civile prodotti sono nate per fornire copertura per danni di natura accidentale a cose o a persone. Con l’evolversi dell’industria moderna verso un’attività sempre più focalizzata alla customer care ed ai servizi si è fatta sempre più strada la necessità di coperture assicurative volte a tutelare i terzi e talvolta anche l’assicurato per perdite di natura patrimoniale non direttamente connesse a danni materiali.

1. Coperture dei danni patrimoniali nei paesi europei

Vediamo quali sono le diverse forme di copertura nei principali paesi europei.

1.1. Francia DINC

Già da molti anni nel mercato francese sono comuni le coperture dei c.d. DINC danni immateriali non consecutivi. Si tratta di coperture sulla base all risks, cioè di contratti in cui tutto ciò che non è espressamente escluso è oggetto di copertura. Vediamo dunque le principali esclusioni:

  • cross liability danni subiti da assicurati tra di loro, nel caso vengano coperti nella stessa polizza più soggetti appartenenti al medesimo gruppo industriale o consorzio;
  • mancata fornitura di prodotti nel tempo pattuito, ritardi nella consegna;
  • D&O;
  • danni relativi a concorrenza sleale, violazione di brevetti e copyright;
  • mancata performance non conformità alle specifiche tecniche alla consegna o collaudo del prodotto.
CONTENUTO A PAGAMENTOIl contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati