Condanna definitiva dell’imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile

La sentenza del giudice penale che, nel dichiarare estinto per amnistia il reato, abbia pronunciato condanna definitiva dell’imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, demandandone la liquidazione ad un successivo e separato giudizio, spiega, in sede civile, effetto vincolante in ordine all’affermata responsabilità dell’imputato che, pur prosciolto dal reato, non può più contestare la declaratoria di generica condanna al risarcimento ed alle restituzioni, ma soltanto l’esistenza e l’entità in concreto di un pregiudizio risarcibile.

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, 6 novembre 2014, n. 23633