Veicolo non assicurato: anche per l’azione di rivalsa la responsabilità del proprietario e del conducente “pari sono”

La Corte di Cassazione decide su una questione che coinvolge l’azione di rivalsa ai danni del proprietario e del conducente di un veicolo non assicurato

di Bianca Pascotto

A volte ci si dimentica che essere proprietari di un veicolo non significa solo rispondere dei danni nei confronti di terzi, ma anche rispondere dei danni nei confronti della compagnia assicurativa e ci si dimentica che esiste un aspetto “simil contrattuale” che coinvolge la messa in circolazione di un veicolo, spesso non facilmente percepibile quando il veicolo viene condotto da persona diversa dal proprietario.

Il concetto della solidarietà passiva di cui agli artt. 1292 e seguenti del codice civile, viene declinato alla luce dei capisaldi della responsabilità civile auto previsti dagli artt. 122, 292 cod. ass. e 2054 c.c.,  nella recente sentenza della Corte di Cassazione (ordinanza del 17 dicembre 2021 n. 40592) chiamata a decidere su una interessante questione che coinvolge l’azione di rivalsa ai danni del proprietario e del conducente di un veicolo non assicurato.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

veicolo non assicurato

© Riproduzione riservata