Stretta sul vertice delle Generali

I prossimi due mesi saranno molto delicati per le Generali. Dopo le fibrillazioni del 2021, i soci forti della compagnia saranno chiamati a esprimersi sul nuovo vertice che sarà votato dall’assemblea di aprile. Un primo snodo dovrebbe arrivare già nel corso della prima successiva quando, secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, potrebbe arrivare la long list dei candidati del board uscente. La scelta della continuità sulla figura del ceo Philippe Donnet sembra fuori discussione. Per la presidenza invece da qualche mese, accanto al nome dell’uscente Gabriele Galateri si fanno strada più ipotesi. Sul mercato è cresciuto per esempio il consenso verso una presidenza al femminile, nel qual caso i nomi favoriti sarebbero quelli di Diva Moriani, Patrizia Grieco o Emma Marcegaglia. E i pattisti? La formazione che riunisce Leonardo Del Vecchio, Francesco Gaetano Caltagirone e la Fondazione Crt è salita rapidamente oltre il 16% tallonando Mediobanca che, con il prestito titoli annunciato a settembre, si è spinta al 17,22%. La presentazione di una lista è insomma un’eventualità concreta e già diversi nomi sono circolati. Proprio nelle ultime settimane sembra che un socio abbia fatto anche quello di Enrico Cucchiani. Il banchiere milanese, si sostiene, avrebbe il profilo ideale per salire alla presidenza.

Fonte: logo_mf