Rassegna Stampa assicurativa 8 gennaio 2021

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

La recente Relazione annuale della Covip, commissione di vigilanza sui fondi pensione presieduta da Mario Padula, contiene una serie di riflessioni sulle linee garantite la cui presenza nel settore della previdenza complementare deriva in primo luogo dalle disposizioni di legge, che richiedono l’istituzione di comparti garantiti alle forme pensionistiche che intendano accogliere il tfr in silenzio assenso. I flussi di tfr destinati secondo modalità tacite devono infatti essere investiti in linee tali da garantire la restituzione del capitale tendendo, in un orizzonte temporale di medio-lungo termine, ad assicurare rendimenti comparabili al tasso di rivalutazione del tfr individuato ai sensi dell’articolo 2120 del codice civile.
Nel 2021, dopo le difficoltà del 2020 pandemico, l’economia e la borsa italiana hanno vissuto un autentico boom: il pil è salito di oltre il 6%, meglio della media Ue, e il Ftse Mib ha registrato una crescita del 23%, facendo meglio delle corrispettive piazze di Londra e Francoforte. E se l’Italia si è guadagnata la medaglia d’oro in questa speciale classifica (tanto che l’Economist l’ha premiata come Paese dell’anno) in generale il 2021 ha sorriso alla maggior parte dei listini mondiali: solo per fare un esempio l’S&P 500, indice dei titoli a maggiore capitalizzazione di Wall Street, ha aggiornato nel corso dei 12 mesi circa 70 massimi storici.
Come far fronte all’enorme aumento del debito bancario delle imprese contratto nell’emergenza? Serve un fondo partecipato da capitali pazienti di Stato, istituti di credito e investitori istituzionali
Vittoria Senza Tempo è un prodotto di investimento assicurativo a vita Intera a premio annuo costante limitato, studiato per coloro che vogliono costruire una protezione per i propri cari. In questa polizza i premi annui investiti hanno la garanzia di un pagamento di una prestazione in funzione di alcuni parametri. La prestazione si rivaluta annualmente in base al rendimento della gestione separata Fondo Vittoria Obiettivo Crescita, ma il calcolo del rendimento finale pagato al contraente non è di immediata lettura.
  • Investimento Capital Fidelity per aziende fedeli
Il prodotto a capitalizzazione di UnipolSai è legato al reinvestimento e si appoggia alla gestione separata Vitattiva

Condanna ridotta alla dirigente che accontenta il sindaco perché in soggezione. Il sindaco di un comune molisano, assolto in alcuni processi penali cui era stato sottoposto per ragioni attinenti alla carica, aveva indebitamente ottenuto dal comune il rimborso delle spese legali sostenute; la sezione giurisdizionale della competente Corte dei conti, dopo aver quantificato in oltre 7 mila euro il danno erariale provocato al comune dalla dirigente che aveva disposto il pagamento, la condannava a risarcirne solo 5 mila.
Superbonus 2022 ancora più conveniente. Per le spese che danno diritto alla detrazione sostenute a partire dall’anno 2022 il bonus fiscale si recupera in quattro anni anziché nei cinque inizialmente previsti. La maggiore convenienza esplicherà effetti anche sulle opzioni per la cessione del superbonus a terzi o per lo sconto in fattura. La riduzione di un anno per il recupero della super detrazione fiscale farà infatti abbassare la percentuale di sconto finanziario praticato dagli intermediari finanziari. È l’effetto dell’entrata in vigore del primo comma dell’art. 119 del dl 34/2020, come modificato dalla legge di bilancio 2022 (234/2021).

  • Gli italiani aumentano i prestiti: +24% nel 2021
Economia in ripresa, ottimismo dopo l’anno nero del Covid e tassi bassi. Il mix ha favorito un significativo aumento della propensione degli italiani a richiedere un prestito per sostenere consumi e progetti di spesa. È quanto emerge dal Barometro del Credito alle Famiglie di Crif: le richieste di finanziamento sono aumentate del 24% rispetto al 2020. Nel dettaglio, nel 2021 si è registrata una crescita del +7,1% per le richieste di prestiti personali – che seppur in recupero risultano essere la forma tecnica che maggiormente ha risentito degli impatti della pandemia – e del +36,1% per i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi, che hanno fatto registrare volumi decisamente superiori anche a quelli pre-crisi (+18,7% la variazione rispetto al 2019).

  • Poste tuttofare. Buoni, fondi, polizze e qualche inciampo