Rassegna Stampa assicurativa 11 gennaio 2021

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Il 2021 del risparmio italiano si chiude così come era iniziato: nel segno del gestito. A confermare la tendenza da record dell’asset management sono arrivati ieri i dati di raccolta e patrimonio di tre delle principali società italiane quotate attive nel settore: Banca Mediolanum, Anima e Fineco.

Può fruire della detrazione del 50% delle spese sostenute per la ristrutturazione edilizia sulle parti comuni, calcolata su un ammontare massimo delle stesse pari a 96.000 per immobile, l’unico proprietario di un edificio non a prevalente destinazione abitativa. E la detrazione, per le spese sostenute sulle parti comuni, dovrà essere commisurata alle sole unità immobiliari abitative comprese nel medesimo edificio.

  • Raccolta in accelerazione a dicembre per Anima, Fineco e Mediolanum
  • Aperte le porte alla pensione con quota 102

insurancejournalgrande

  • L’M&A globale rimarrà forte nel 2022, mentre le valutazioni raggiungono livelli record: WTW
L’attività globale di fusioni e acquisizioni ha raggiunto i massimi storici nel 2021 con 1047 accordi valutati più di 100 milioni di dollari, un aumento significativo rispetto ai 674 accordi dell’anno precedente, secondo una ricerca di Willis Towers Watson. Il totale del 2021 (per i deal superiori ai 100 milioni di dollari) è il più alto volume annuale da quando l’analisi M&A nel Quarterly Deal Performance Monitor (QDPM) di Willis Towers Watson è iniziata nel 2008.