Il mercato assicurativo spagnolo cresce del 5% nel 2021, ma non recupera i livelli pre-pandemia

Il mercato assicurativo spagnolo ha registrato un volume totale di premi di 61.835 milioni di euro nel 2021, il 5% in più rispetto all’anno precedente. Tuttavia, non recupera i livelli pre-pandemici, poiché è in calo del 3,65% rispetto al 2019, anno di riferimento del settore.

I dati, che il presidente dell’Unespa, Pilar González de Frutos, ha presentato, mostrano buoni sviluppi per le assicurazioni aziendali, Salute e Multi-rischio e stabiltà nel Risparmio Gestito. L’auto, non raggiunge i volumi precedenti al marzo 2020.

L’associazione delle imprese spagnola indica che l’assicurazione “sta mostrando segni di ripresa dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19 in Spagna e le misure adottate per contenerla, ma non ha ancora recuperato tutto il terreno perso”, sottolinea in un comunicato.

I rami danni superano la crisi e crescono del 3,30% per un totale di 38.277 milioni di euro, crescendo del 4,43% rispetto al 2019. Il ramo malattia è cresciuto di quasi il 5% e ha totalizzato 9.849 milioni. Nel frattempo, i multirischi hanno superato gli 8,1 miliardi e riflettono un aumento del 4,7%. Il motor è l’unica attività che ha registrato perdite, 0,87% l’anno scorso ed è in calo di quasi il 3% rispetto al 2019. Il suo fatturato ammonta a 10.990 milioni di euro.

I premi vita ammontano a 23.558 milioni di euro, il che indica una crescita del 7,88%, ma il confronto con il 2019 indica un calo del 14,41%. Per quanto riguarda le riserve tecniche, hanno raggiunto un totale di 195.707 milioni di euro a fine dicembre, in aumento dello 0,82%.

mercato assicurativo spagnolo