Insurtech: Luko punta alla crescita con l’acquisizione di Coya

Il neo-assicuratore (che opera in Francia sotto lo status di MGA) Luko si prepara a completare l’acquisizione di una delle principali insurtech tedesche.

Il primo neo-assicuratore francese non vita – Luko – sta facendo un salto di qualità all’inizio del 2022. Non annuncia un nuovo round di finanziamento, ma crescerà per acquisizione, il che dovrebbe renderlo il principale neo-assicuratore europeo.

Per fare questo, Luko ha attraversato il Reno: l’azienda sta completando l’acquisizione di Coya (la transazione sarà completata alla fine di gennaio). Fondata nel 2016, la start up berlinese (che offre prodotti di assicurazione sulla casa, ma anche biciclette, responsabilità civile e assicurazioni per animali domestici) si era distinta nel 2018 per aver ottenuto la licenza di assicuratore dal Bafin.

Modelli complementari

“Dopo la Spagna, stavamo pensando di lanciare anche in Germania, con la consapevolezza che era importante unire le forze con un partner locale lì (…) Varie startup francesi, soprattutto B2C, hanno avuto più difficoltà a svilupparsi in Germania organicamente”, ricorda a L’Argus il CEO di Luko Raphaël Vullierme. “Coya era in una fase equivalente di riflessione, cercando di diventare internazionale”, continua.

Oltre a questa complementarità di programmi, Raphaël Vullierme ritiene che ci sia anche una complementarità di modelli di business. “Coya ha sviluppato la sua competenza nell’assicurazione di base, mentre Luko si è distinta per la sua visione del servizio e la logistica. L’unione dei due ci permette di padroneggiare l’intera catena del valore e di proporre rapidamente un’offerta completa su tutti i nostri mercati”, aggiunge. “La forza di Luko è che ha sempre investito nella qualità del servizio e nella soddisfazione del consumatore, dato che un cliente su due entra in Luko attraverso il passaparola”, aggiunge il co-fondatore di Coya Max Bachem, ora CEO di Luko Germania.

Nuovo statuto per Luko

Coya sarà ribattezzata Luko Insurance AG e, grazie alla licenza assicurativa ottenuta in Germania, diventerà la piattaforma assicurativa di tutte le filiali del gruppo in Europa attraverso la LPS (libertà di prestazione di servizi) – e quindi in Francia. Luko, che opera in Francia come managing general agent (MGA), continuerà comunque a lavorare con varie compagnie.

La nuova entità conta circa 300.000 assicurati (80.000 per Coya, più di 200.000 per Luko dalla fine del 2021) ed è un nuovo leader tra i neo-assicuratori: le due insurtech europee con più assicurati di Luko, la britannica Bought By Many e la piattaforma tedesca WeFox, operano come broker. Un centinaio di nuove assunzioni sono previste per il 2022, la metà delle quali a Berlino.

Francia (e MRH), ancora le forze trainanti di Luko

Una posizione raggiunta raddoppiando il suo numero di assicurati solo nel 2021: “Siamo il quarto assicuratore in termini di polizze di assicurazione sulla casa vendute nel 2021. Le prime tre sono società di bancassicurazione”, nota Raphaël Vullierme. La metà di questa crescita è venuta da questi stessi bancassicuratori, secondo il cofondatore di Luko, davanti alle mutue e alle compagnie – solo il 10% dei clienti acquisiti da Luko provengono dagli assicuratori diretti, aggiunge.

Il finanziamento di questa operazione è fatto su azioni, senza particolari rilanci: i principali investitori di Coya (che aveva raccolto 40 milioni di euro fino ad ora), in questo caso il fondo Valar Venture o la ditta Roland Berger, diventeranno anche azionisti di Luko. “Di tutti i fondi che abbiamo raccolto, abbiamo ancora il 50% in banca”, spiega Raphaël Vullierme. Inoltre, la raccolta di fondi non è all’ordine del giorno nel breve termine, anche se “le condizioni di mercato sono davvero molto buone per ottenere nuovi finanziamenti”. Un ambiente favorevole che ha permesso all’ecosistema insurtech, in particolare in Francia, di battere tutti i suoi record nel 2021.

Il 2022 sarà un anno di strutturazione per Luko, sia in Germania che in Spagna, così come per la distribuzione in Francia per soddisfare le esigenze dei broker. Si stanno sviluppando nuovi prodotti e servizi intorno all’ecosistema casa, ma l’insurtech vuole anche spingere le sue pedine sull’assicurazione dei prestiti, che offre da settembre 2021.

Luko