Quanto hanno guadagnato gli intermediari tedeschi nel 2020

Finora, gli agenti indipendenti hanno affrontato bene la crisi pandemica in Germania e gli ostacoli che ne sono derivati. Nonostante la situazione eccezionale dell’esercizio 2020, la forza di vendita è stata persino in grado di aumentare le vendite e i profitti.

Questo è il risultato del tredicesimo barometro degli intermediari dell’AfW – Bundesverband Finanzdienstleistung e.V., condotto nel novembre 2020 attraverso  un sondaggio online su 1.250 partecipanti.

Secondo AfW, circa il 92% degli intermediari intervistati ha lo status di broker, mentre il 66% ha una licenza come intermediario di investimenti finanziari.

Gli intermediari intervistati hanno riportato un fatturato medio di 120.000 euro. L’anno precedente la cifra era di 108.120 euro. Rispetto al 2019, le vendite sono aumentate dell’undici per cento.

L’anno scorso, i partecipanti hanno registrato un profitto di 59.850 euro (2019: circa 55.000 euro). Nonostante la pandemia e quindi sotto sfide straordinarie, il risultato è quindi aumentato di 4.850 euro rispetto al 2019.

Secondo l’associazione, tuttavia, questo significa che più della metà degli intermediari intervistati (55%) sono rimasti sotto il punto di pareggio di 50.000 euro all’anno. E il 16% ha guadagnato più di 100.000 euro l’anno scorso, che è il 2,1% in più in questo gruppo di reddito rispetto all’anno precedente.

In confronto, nel 2019, due terzi degli intermediari intervistati si posizionava nella forchetta di profitto fino a 50.000 euro. Solo uno su sette (13,9%) ha raggiunto guadagni superiori a 100.000 euro.

Il Bundesverband Deutscher Versicherungskaufleute e.V. (BVK) ha esaminato i profitti degli intermediari assicurativi nella sua analisi strutturale. Secondo la valutazione, circa un terzo degli agenti di vendita raggiunge ciascuno un profitto annuale prima delle tasse inferiore a 50.000 euro, un terzo fino a 100.000 euro e un terto più di 100mila.

“L’analisi strutturale della BVK ha dimostrato che le aziende con più personale possono aumentare significativamente i loro profitti”, ha spiegato al Versicherungsjournal il professor Dr. Matthias Beenken, che insegna economia delle assicurazioni all’Università di Scienze Applicate di Dortmund e fornisce supporto scientifico alla valutazione della BVK.

In un comunicato stampa sull’analisi, il membro del consiglio di amministrazione di AfW Frank Rottenbacher cita le ragioni per l’insolita crescita nell’anno di crisi 2020: “L’aumento del profitto medio deriva dal fatto che gli uffici di intermediazione piccoli e meno redditizi stanno rinunciando o vengono acquisiti da società più grandi, che possono quindi lavorare in modo più efficiente con i portafogli”.

A complemento di ciò, ha detto, c’è l’ottimizzazione dei processi. “La digitalizzazione ha portato a una maggiore efficienza, a una migliore comunicazione con i clienti e quindi a ulteriori buone vendite su tutta la linea”, ha detto Rottenbacher.

intermediari