Marketing: vendita di assicurazioni tramite Tiktok? L’esperienza tedesca

In Germania sempre più broker e agenzie stanno aprendo canali su Tiktok. Oltre 14 milioni di persone sono attive sulla piattaforma ogni mese. In media, ogni utente vi trascorre 73 minuti al giorno.

Da molto tempo ormai Tiktok è un luogo dove non solo i “teenager” ma anche interessanti segmenti di clientela si ritrovano. Oltre il 38% degli utenti ha più di 25 anni.

È quindi indiscutibile che sul canale video per il settore assicurativo tedesco siano rappresentati segmenti di clientela interessanti. La campagna di Cosmosdirekt “Paid Cosmic-Fail” ha generato oltre 930 milioni di visualizzazioni. Questo mostra come si può costruire un profilo del marchio su Tiktok.

Il portale Versicherungsjournal riporta la storia di Robin Kiera. Il suo canale ha generato oltre 47 milioni di visualizzazioni organiche, quasi 100.000 follower e 2,2 milioni di likes – con argomenti finanziari, professionali e assicurativi. I seguaci si sono trasformati in una comunità.

Sempre più persone hanno fatto domande. Un utente voleva mettere tutti i suoi risparmi in una Mercedes AMG e ha chiesto se era una buona idea. Ha risposto – a dire il vero un po’ costernato – con un colloquiale “Diggi nooooo“. Il video è diventato virale con oltre 300.000 visualizzazioni e da allora ha utilizzato quella modalità.

A un certo punto, i seguaci hanno iniziato a riferirsi a lui come “CEO di Diggi”, imitandolo e creando l’hashtag #TeamDiggi. Per pura curiosità, i designer hanno creato un piccolo marchio di prodotti intorno ai motti “CEO of Diggi”, “Selfmade CEO” e “I am the CEO of my Life”. Senza pubblicità, ha messo un negozio online con maglioni, tazze e cappellini da baseball.
Poco tempo dopo, e qualche Tiktoks dopo, cominciarono ad arrivare i primi ordini. Gli utenti hanno anche prodotto video di come hanno aperto i loro pacchetti, o hanno creato video divertenti su ricchezza, carriera e assicurazione.

Da allora, ogni giorno vendono merce – completamente automatizzata tramite un fornitore terzo – su base giornaliera. Senza fare pressioni per monetizzare la comunità, ma facendolo abbastanza facilmente. Si compra anche una tazza per scherzo per 100 euro.

TikTok