Boeing: patteggiamento per 2,5 mld $ per i crash 737 MAX

Boeing pagherà più di 2,5 miliardi di dollari in multe e risarcimenti dopo aver raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per due incidenti aerei che hanno ucciso un totale di 346 persone e hanno portato al fermo del suo jetliner 737 MAX.

L’accordo, che permette alla Boeing di evitare l’azione penale, include una multa di 243,6 milioni di dollari, un risarcimento alle compagnie aeree di 1,77 miliardi di dollari e un fondo di 500 milioni di dollari per le accuse di cospirazione fraudolenta legate al progetto difettoso dell’aereo.

L’accordo del Dipartimento di Giustizia, annunciato dopo la chiusura del mercato di giovedì, pone fine a un’indagine di 21 mesi sulla progettazione e lo sviluppo del 737 MAX dopo i due incidenti, in Indonesia e in Etiopia, rispettivamente nel 2018 e nel 2019.

Gli incidenti “hanno messo a nudo la condotta fraudolenta e ingannevole dei dipendenti di uno dei principali produttori di aerei commerciali del mondo”, ha dichiarato il vice procuratore generale David Burns.

“I dipendenti della Boeing hanno scelto la strada del profitto piuttosto che della franchezza, nascondendo alla FAA informazioni materiali riguardanti il funzionamento del suo aereo 737 MAX e impegnandosi nel tentativo di coprire il loro inganno”, ha detto Burns, riferendosi alla Federal Aviation Administration.

Gli incidenti sono costati alla Boeing circa 20 miliardi di dollari.

Gli avvocati delle famiglie delle vittime dello schianto dell’Ethiopian Airlines hanno detto che l’accordo rafforza il contenzioso civile a Chicago, dove ha sede la Boeing. Boeing ha già risolto la maggior parte delle cause relative al disastro della Lion Air in Indonesia.

Boeing