Allianz e Zurich tra le organizzazioni globali che seguiranno i parametri ESG creati dal WEF

Ci sono Allianz e Zurich tra i 61 gruppi internazionali dei più diversi settori produttivi che si sono impegnati ad adottare le Stakeholder Capitalism Metrics core, una serie di metriche ambientali, sociali e di governance (ESG) rilasciate dal World Economic Forum e dall’International Business Council (IBC) a settembre 2020 con l’obiettivo di misurare in modo comparabile la creazione di valore aziendale nel lungo termine per tutti gli stakeholder.

Una nota spiega che la “Stakehoklder Capitalism Metrics offre un insieme di 21 indicatori incentrati sulle persone, il pianeta, la prosperità e la governance su cui le aziende possono basarsi, indipendentemente dal loro Paese e dal loro settore. Le metriche rafforzano la capacità delle aziende e degli investitori di valutare i progressi in materia di sostenibilità, favorendo così il processo decisionale e migliorando la trasparenza e la rendicontazione per quanto riguarda il valore condiviso e sostenibile creato dalle aziende”.

Oltre ai gruppi assicurativi internazionali Allianz e Zurich, tra le società leader che si sono impegnate nello Stakeholder Capitalism Metrics core troviamo anche l’italiana Eni e, tra le altre: Dow, Mahindra, PayPal, Takeda, Banco Santander, Bank of America, Bbva, Credit Suisse, Ubs, Deutsche Post DHL, Heineken, Ibm, Mitsubishi Corporation, Repsol, Royal Dutch Shell, bp, Siemens, Total, Unilever, Kpmg, Deloitte, Pwc, Ey e Mc Kinsey.

WEF