Verso un boom di Insurtech in Cina

La rapida crescita e l’innovazione stanno guidando il mercato assicurativo cinese. In futuro, la Cina svolgerà un ruolo essenziale nel mondo InsurTech.
E’ quanto emerge da un’analisi di Allianz, che ha pubblicato uno studio sulle prospettive del settore assicurativo cinese. Nell’ultimo decennio, dalla crisi finanziaria, la raccolta premi è quasi quadruplicata. Il mercato assicurativo cinese è già al secondo posto a livello mondiale in termini di raccolta premi. Entro la fine del prossimo decennio, è probabile che diventi il primo.

“I canali di distribuzione tradizionali costituiscono ancora il nucleo principale del settore assicurativo cinese, soprattutto nel settore delle assicurazioni persona, dove gli agenti e le banche dominano con oltre il 90%. Ma le vendite su Internet stanno crescendo molto velocemente e i provider stanno investendo massicciamente in nuove tecnologie per costruire piattaforme automatizzate. La Cina ha il potenziale per diventare un attore chiave nell’Insurtech”, ha dichiarato Ludovic Subran, Chief Economist di Allianz.

La dimensione è fondamentale. Ma l’innovazione è ancora più importante. La Cina è diventata una delle economie più innovative e competitive degli ultimi anni, dicono gli autori dello studio. Fattori come l’infrastruttura mobile, la disponibilità di dati, l’affinità tecnologica e la regolamentazione hanno creato un ambiente positivo per la nascita di nuove industrie.
Le dimensioni del mercato consentono alle aziende di raccogliere rapidamente nuove offerte. Questo supporta anche le innovazioni cinesi “autosufficienti”. Invece dei cloni della Silicon Valley, in Cina sono stati sviluppati nuovi modelli di business per il mercato cinese.
Punto culminante di questo sviluppo sono i grandi ecosistemi o piattaforme che offrono ai clienti un’ampia gamma di prodotti e servizi, compresa la finanza. Questo cambiamento è dovuto non da ultimo alle ingenti somme di denaro che affluiscono alle aziende tecnologiche cinesi.
Il divario finanziario tra gli Stati Uniti e la Cina si è ridotto nel corso degli anni. Mentre le assicurazioni statunitensi hanno raccolto un totale di 5,8 miliardi di euro nel 2018, le loro controparti cinesi hanno raccolto 4,1 miliardi di euro, più del quadruplo rispetto all’Europa. Questa somma è tanto più sorprendente se confrontata con le dimensioni del mercato cinese dell’Insurtech.

Solo il sette per cento delle aziende intervistate ha sede in Cina, contro il 55 per cento negli Stati Uniti e il 38 per cento in Europa. Di conseguenza, il finanziamento medio per azienda è notevolmente più elevato in Cina che altrove: 113 milioni di euro contro i 20 milioni di euro degli USA e solo 5,2 milioni di euro in Europa. Anche se queste cifre sono distorte da qualche mega giro di finanziamenti, forniscono comunque un quadro di un paesaggio assicurativo altamente concentrato e riccamente finanziato.

L’approccio degli investitori è cambiato: da una strategia di ampia diversificazione a un approccio più mirato. Nel 2015, solo quattro società hanno ricevuto più di 88 milioni di euro o 100 milioni di dollari USA; nel 2018 le società erano già 13.
“La Cina avrà un ruolo essenziale nel mondo assicurativo dell’economia della piattaforma. I consumatori cinesi con un’affinità per la tecnologia sono una miniera d’oro per le aziende insurtech: i nuovi canali di distribuzione e i prodotti digitali conosceranno una crescita esponenziale. Le principali compagnie di assicurazione mondiali possono attingere a questo settore in piena espansione di assicurazioni e tecnologia. Partnership più strategiche e coinvestimenti tra assicuratori cinesi e stranieri sembrano essere la logica conseguenza di questa situazione win-win”, ha detto Nazim Cetin, CEO di Allianz X.
InsurTech