Non arrendersi all’Rc Auto troppo cara

Sara ha 35 anni, è single e vive a Milano in un bilocale di 50 metri quadrati, che ha acquistato lo scorso anno grazie a un finanziamento di 100 mila euro a 15 anni, tasso fisso. Trasferendo il finanziamento nella banca che offre le migliori condizioni, risparmierebbe 46 euro al mese, 552 su tutto ranno. Per la copertura assicurativa sulla responsabilità civile della sua Fiat 500, invece, oggi versa, in classe 1, un premio annuo di 771 euro. La tariffa più competitiva disponibile su Sostariffe.it è di 384 euro, la metà. «Avendo strutture più snelle, le compagnie dirette, che operano online, possono permettersi di offrire condizioni più vantaggiose su alcuni profili di clienti», spiega Alessandro Voci, responsabile ufficio studi di Sostariffe.it. Bisogna però prestare attenzione ad alcuni aspetti: per avere un confronto coerente, bisogna controllare il massimale, la cifra massima che la compagnia assicurativa erogherà al cliente al momento del risarcimento del danno provocato alla vettura o a terze persone coinvolte in un incidente. Questa voce può incidere sul preventivo, non va tralasciata. Lo stesso vale per le coperture accessorie, le franchigie o la presenza di altre clausole che potrebbero determinare un disallineamento tra due preventivi apparentemente sovrapponibili “suggerisco di completare il preventivo con la massima attenzione: se ad esempio si dichiara che l’automobile viene utilizzata in modo esclusivo — per risparmiare qualche decina di euro —ma nella realtà il mezzo è in condivisione con il coniuge e quest’ultimo ha un sinistro, la compagnia potrebbe far valere il diritto di rivalsa, facendo venire meno la tutela”, ricorda Andrea Polo, direttore comunicazione di Facileit. Tara-re bene i valori del chilometraggio è un altro consiglio utile — è sciocco pagare di più se si per-corre poca strada in auto. E d’altra parte è bene considerare il preventivo nel suo complesso: a seconda delle circostanze, spiega, Polo, se l’automobile è piuttosto datata, può valere la pena privilegiare una compagnia che propone, ad esempio, l’assistenza stradale a prezzi più competitivi. Mettendo insieme i minori esborsi ottenibili su mobile, connessione a Internet da ca-sa, bolletta di luce e gas, e spese legate al conto corrente, si ottiene un risparmio complessivo di circa 1.400 euro l’anno. Quanto basta per iniziare un piccolo piano di risparmio, in ottica previdenziale, da replicare anno dopo anno.

Fonte: