Intesa Sanpaolo Vita aderisce ai Principles for Sustainable Insurance dell’ONU

Intesa Sanpaolo Vita ha sottoscritto i Principles for Sustainable Insurance (PSI) delle Nazioni Unite.

La crescente attenzione verso le tematiche di sviluppo sostenibile ha cambiato in modo radicale anche la percezione e le aspettative dei consumatori e delle compagnie assicurative.

Nel mondo, nel corso del 2018, si sono registrati 135 miliardi di euro di danni dovuti a catastrofi naturali, con 66 miliardi di indennizzi pagati dalle società di assicurazione. Inoltre, il 91% dei consumatori italiani ritiene una compagnia sostenibile se si dimostra responsabile nell’utilizzo delle risorse, il 50% degli investitori dichiara di non investire in compagnie con policy sostenibile scarsa o assente, mentre il 73% dei consumatori si aspetta che le imprese ricoprano un ruolo attivo nelle problematiche sociali, culturali, ambientali e politiche (fonte: dati ANIA, PWC, Findomestic ed Accenture).

Il Gruppo ha avviato un percorso per aderire ai 4 principi della sostenibilità assicurativa: integrare le tematiche ESG (Environmental, Social e Governance) nelle proprie scelte strategiche, sviluppare coerentemente piani di business, programmi d’investimento e prodotti, lavorare con istituzioni e regolatori per promuovere iniziative ESG, rendere pubbliche e trasparenti le proprie pratiche virtuose.

Oltre ad “Area X” – spazio esperienziale di Torino che, grazie ad innovazioni tecnologiche, promuove la cultura della protezione nella vita di tutti i giorni – la Divisione Insurance di Intesa Sanpaolo promuove già una cultura della sostenibilità attraverso iniziative di edutainment, adottando strategie di investimento responsabile ed estendendo l’offerta dei prodotti per integrare tematiche ESG, un’attenzione particolare verso la parità di genere, l’acquisizione di certificazioni ambientali per le proprie sedi e un ambienteplastic-free.